Non ancora papà, già innamorato dell’Inglese

Claudio non è ancora papà, ma già si domanda come fare a trasmettere ai suoi futuri bambini la propria, ottima, conoscenza dell’Inglese.

Ciao Letizia,

mi chiamo Claudio, ti scrivo dal sud italia e non sono ancora papà… Parlo fluentemente l‘inglese sia per una passione personale e sia perche’ ho vissuto per un certo periodo all’estero in un ambiente multi etnico nel quale la lingua comune e’ per l’appunto l’inglese ed al lavoro lo leggo e lo parlo quotidianamente.
Mia moglie capisce molto bene l’inglese se lo legge ma non tantissimo se lo sente parlare. Il dubbio che mi assale e’ sapere se
saro’ in grado di crescere un futuro figlio/a bilingue italiano-inglese.Per quello che vedo sul tuo blog sono quasi tutte mamme (che qui al sud italia mediamente tra maternita’ e part-time trascorrono piu’ tempo con i figli) ad insegnare la lingua minoritaria ai figli.

I momenti della giornata infrasettimanale nei quali potrei parlare in inglese a mio figlio/a sarebbero mediamente la mattina prima di andare al lavoro e la sera dalle 19.00 in poi. Pensi che sia fattibile per me insegnargli una lingua straniera? O forse dovrei abbandonare l’idea? Grazie per avermi letto.

Saluti Claudio

Claudio,

where there’s a will there’s a way.

Anche se il tempo che hai a disposizione è limitato puoi comunque ritagliarti degli spazi per l’Inglese, può essere la mattina, o la sera, e poi non dimenticare che c’è anche il finesettimana, dove magari puoi ritagliarti spazi più ampi.

L’importante è avere aspettative realistiche, non esagerate, non pensare a dover sfornare un bambino bilingue perfetto, che peraltro non esiste. Se anche solo puoi dedicare all’Inglese una mezz’oretta tutti i giorni, va benissimo, sarà sufficente per mettere le basi.

Poi guardala sui tempi lunghi… Magari quando il bambino avrà sui tre anni potrai cominciare a guardare con lui, o lei, i cartoni animati in Inglese, poi quando avrà 6 anni potrete guardare i film in Inglese insieme, etc etc. Per i libri invece non occorre aspettare, si può iniziare dal day one, vedi qui e qui come fare.

Ecco, magari un consiglio potrebbe essere di prendere l’abitudine, se potete, di guardare la televisione o i film in Inglese, tu e tua moglie, a prescindere dal bambino. Se fate entrare l’Inglese nella vostra quotidianità sarà più facile proporlo al bambino, e poi la mamma si abituerà con calma e non si sentirà lasciata fuori.

Spero di averti risposto,

Letizia

Immagine da A Journey Round my Skull

Related Posts with Thumbnails

Ha scritto:

Bilingue Per Gioco

Bilingue per Gioco, cioè Letizia, mamma di A. e fondatrice di questo blog, puoi saperne di più su di me cliccando qui.

One Comment

  1. Claudio
    Posted 08/10/2010 at 12:28 | Permalink

    Ciao Letizia, sono Claudio!
    Grazie mille per l’incoraggiamento!

One Trackback

  1. [...] Grazie sentito anche a Claudio, perchè tutto è partito da una sua email. Share Posted on 18/01/2011 « Bilinguiamo, [...]

Post a Comment

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

*
*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Subscribe without commenting