Le scuole materne in Giappone

Ciao, come scrivevo nel mio primo post le bambine, Onechan (5 anni) e Imotochan (3 anni), frequentano scuole differenti ed entrambe giapponesi. Se a voi non dispiace, ne approfitterei quindi per raccontarvi come funzionano qui le scuole materne in base alla nostra esperienza…e magari attraverso i vostri commenti apprendere qualcosa di altri sistemi.

Ovviamente non mancheranno termini giapponesi che se vorrete potrete far entrare nel vostro vocabolario plurilingue.

Bene, iniziamo! Onechan frequenta una scuola materna del tipo y?chien che fa riferimento al ministero dell’educazione e appunto gli obiettivi sono legati alla preparazione pre-scolare (grafismi, scrittura ecc.), mentre Imotochan frequenta l’asilo hoikuen che fa capo al Ministero della Salute. Infatti, vengono presi in cura i bambini dai 6 mesi fino all’età scolare, dal lunedì al sabato e dalla mattina fino alla sera. Insomma, la soluzione per genitori che lavorano. A parte i festivi (domeniche e feste nazionali) non ha chiusure estive e/o invernali. Detto così potreste immaginarvi i bambini sempre rinchiusi in quattro mura e invece no! Non andrò nei particolari ma proverò ad offrirvi un quadro delle loro attività annuali rigorosamente divise per stagioni…primavera haru, estate natsu, autunno aki, inverno fuyu.

L’anno scolastico inizia ad Aprile, e così anche le passeggiate nei vicini parchi e templi; i bambini imparano a mettersi le scarpe da soli (come saprete in Giappone le scarpe non entrano negli ambienti interni…a parte gli uffici) e nel caso dello hoikuen a due anni si mettono anche il pigiama…da soli…per il risosino pomeridiano.

Il principio di fondo è che ognuno deve occuparsi del proprio, quindi se giocano mettono in ordine, se sporcano puliscono, ma il fatto di essere insieme dà forza l’un l’altro (scusate la digressione, ma io qui ci vedo la base della loro società).

Ogni mese fanno l’esercitazione nel caso di terremoto o incendio, e non vi nascondo che quando a casa giocano e fanno finta che ci sia il terremoto io me le guardo bene per imparare cosa fare.

A maggio c’è un primo incontro con i genitori, molto dinamico, si canta insieme, si fa un giro di presentazioni e si esprimono le proprie impressioni sul primo mese di hoikuen. E infine si partecipa al pasto…a quanto pare i bambini che frequentano lo hoikuen sembrerebbero tutti essere dei buongustai, sarà anche perché ogni mese vanno in cucina ad aiutare a cucinare (per esempio puliscono i funghi per la pizza, impastano, oppure preparano il dolce di Halloween che dopo si mangiano per merenda).

Subito dopo la stagione delle piogge (tra metà giugno e metà luglio) si fa un altro incontro con i genitori, ma questa volta si tratta del natsu matsuri una vera e propria festa di paese all’interno della scuola…e da lì in poi inizia il periodo della piscina all’aperto!

Da settembre iniziano i preparativi per l’undokai la festa dello sport, in cui l’impegno per i bambini più grandi è motivo di grande crescita e maturità…e potrei dilungarmi oltre ma mi fermo quindi .

Si conclude il terzo trimestre con i lavoretti di Natale (ovviamente senza la componente religiosa), per poi concentrarsi da gennaio a marzo sul festival di chiusura, in cui ogni classe si esibisce in una danza, un coro, un ensemble di strumenti musicali e per quelli dell’ultimo anno una piece teatrale.

Ho tralasciato la festa del setsubun il 3 febbraio, quella delle bambine hinamatsuri il 2 Marzo e per lo hoikuen di Imotochan la parata di Halloween … che coinvolge anche gli studenti e il personale della vicina università… e le lezioni in inglese, molto rare nello y?chien, ma con la possibilità di integrare con un altro corso pomeridiano (peccato e per fortuna che mia figlia abbia scelto me per scoprire anche l’inglese), ma settimanali e con madrelingua, invece, nello hoikuen, almeno in quello frequentato da Imotochan. Quali sono invece le attività dei vostri bambini nei loro asili in Italia, in UK, In Spagna, negli States ecc?

Nadia

 

Immagine: Antiche fiabe del paese delle nevi. Racconti Giapponesi

 

 

 

Related Posts with Thumbnails

Leave a Reply