Le ballon de Zébulon, Libro in Francese

Sono sempre molto impressionata dall’intelligenza e dalla bellezza di “album” come quello di Alice Brière- Haquet e Olivier Philipponneau .

“Le ballon de Zébulon” è un libro sicuramente di grande merito per molte ragioni.

Procediamo con ordine.

La trama si sviluppa partendo da un punto, o meglio,  da un colore che diventa protagonista :  si tratta della storia del piccolo Zébulon che, nel cuore della notte, ha perso il suo caro palloncino rosso trovandosi sperduto e solo nel bosco.

La paura, la tristezza e l’alienazione, tuttavia, non durano molto perché la perdita crea occasione,

anzi, per dirla correttamente

un de perdu dix des retrouvés

ed è così che, gira e rigira, Zébulon scoraggiato si trova a fare i conti :

1 pallone perso  in cambio di 10 amici trovati,

si potrebbe chiedere di meglio?

Indubbiamente, il racconto strizza l’occhio all’universo emotivo dei bambini.

Come accennato, la bellezza, però, non ha a che fare solo con la storia,

lo stesso libro-materiale è interessante : ci troviamo in mano un testo scritto  “gravure sur bois” ossia una (antica) tecnica di stampa che prevede l’utilizzo di una matrice in legno scolpita in altorilievo, un’esperienza gradevole per il tatto stesso;

la copertina, poi, è cartonata e rilegata in tessuto e le pagine hanno una consistenza tale da permettere la manipolazione ad ogni età.

E non è tutto.

Questa precisa scelta “tecnica” è, a sua volta, valorizzata ulteriormente dall’impiego suggestivo di soli tre colori : il rosso, il nero e il bianco.

Insomma, il libro è da vivere tramite il filo delle parole e quello dei sensi.

Avrei ancora molto, molto, molto da aggiungere in veste di mamma e/o appassionata lettrice,

ma preferisco che la nota di chiusura tenga in considerazione gli aspetti che più piacciono ai piccoli grandi destinatari!

Anche in questo libro non manca la componente curiosa e avvincente legata ai “cache-cache” grazie ai quali il bambino è portato a domandarsi

“…è lui quello che vedo? E’ il pallone che si nasconde là?”

la suspence, anche metrica, si scioglie toccando un piccolo abisso di scoraggiamento,

ma è breve,

subito una comptine (che si ripete per tutto il testo) si predispone per il piccolo lettore come base emozionale dolce e rassicurante :

Petit Zébulon, arrête de pleurer, ton ballon, on va le chercher. Un de perdu, dix de retrouvés ! ”

e via (sempre anche metricamente) travolti da un vortice di attesa, fiducia e allegria nel proseguimento di questa avventurosa ricerca.

In sostanza, questo Zébulon che dans la nuit il se sent petit petit

non può che esser simpatico ai nostri piccoli così presi dalle esperienze di vita

da sentirsi, a volte, piccoli piccoli  lontano –il tempo della scuola o di una spesa, o di… – dai loro sostegni (la mamma, il papà, il doudou, la casa,..)

ma che, allo stesso tempo, stanno imparando come ogni situazione (anche di sconforto) si possa trasformare in un’occasione importante, proprio come la conoscenza di nuovi amici

[il che, poi, non è un dolce ripasso anche per noi?].

Posso parlare nuovamente in veste di lettrice?

Questo è uno di quegli acquisti che mi hanno spinta a pensare “è proprio vero, un bel libro è un bel libro” a prescindere dalla conoscenza della lingua o dall’interesse che si ha per essa!

Per saperne di più, vi segnalo anche il sito dell’ autore illustratore Philipponneau

Immagine: Le ballon de Zébulon di Alice Brière-Haquet & Olivier Philipponneau,  acquistabile su amazon.it , amazon.fr

e amazon.co.uk

L’autrice di questo post è Marika

Related Posts with Thumbnails

Comments

  1. Bilingue Per Gioco says

    Marika, scusa se trovo solo ora un momento, ma ti volevo ringraziare per questa segnalazione, mi ha particolarmente incuriosito l’aspetto “tattile” del libro… E comunque è vero, certi libri sono belli perchè sono belli, a prescindere dalla lingua!
    L.

  2. says

    Letizia ti ringrazio!

    Ammetto che per me è una bella opportunità quella di recensire i libri che ci stanno accompagnando in questo percorso, imparo a mia volta molti aspetti interessanti!

  3. says

    Ma che bell’opera! unisce la poesia delle immagini, la tenerezza del personaggio Zebulon che sembra appena uscito dalla fantasia degli stessi bambini-lettori e un messaggio senza tempo e per tutte le età. L’antica tecnica di stampa ne farà senza dubbio anche un libro molto bello da sfogliare e conservare, il che aggiunge un elemento che spesso si sottovaluta quando si interagisce con un bambino, ossia la trasmissione di un’educazione all’estetica. Noi mamme preferiamo spesso e volentieri per i nostri bambini libri/giochi/vestiti istruttivi, maneggevoli, leggeri, colorati, pratici, duraturi, comodi, piccoli (per entrare in borsa in viaggio o in città!), e molto raramente scegliamo oggetti semplicemente BELLI. Come quelli di una volta, insomma.
    Questo libro mi ha fatto pensare inevitabilmente all’illustratrice italiana degli anni ’70 Iela Mari e al suo ‘Il palloncino rosso’
    http://www.amazon.it/palloncino-rosso-Iela-Mari/dp/8883621115
    E chi l’avrebbe detto invece che i creatori di Le ballon de Zebulon sono giovanissimi…Chapeau!
    Mi chiedo : ma perché in Italia é sempre più difficile per un giovane talento entrare in questo mondo dell’editoria per infanzia, ma soprattutto, perché a Roma non ci sono tutte quelle BELLE librerie come a Parigi pronte ad addobbarsi con tanti palloncini rossi per l’uscita di un libro?!?
    Maria

    • says

      Intanto ringrazio Marika per questo bellissimo libro, e poi mi aggancio subito a quanto ha detto Maria a proposito *dell’educazione estetica*: l’educazione al gusto è un aspetto che sfugge un po’ al nostro controllo. Noi presentiamo ai nostri bimbi un libro e non sappiamo che effetti avrà su di loro..non subito. L’altro giorno abbiamo visitato una nuova libreria del nostro paese, e ovviamente eravamo nel reparto bimbi, dove B. ha preso subito un volumetto di Peppa Pig che si trovava proprio alla sua altezza, mentre io sceglievo libri messi più in alto (più che altro mi divertivo a trovare l’ed. italiana di libri in inglese che già avevo) e alla fine scelgo di prendere un libro di Leo Lionni. E penso: come convincerò B. (31 mesi) a lasciare Peppa e a prendere questo? Hmm “Senti, cucciola, prendi questo”, e lei lo prende in mano, lo sfoglia e dice ” Questo è buono!” e va alla cassa abbandonando Peppa. Peppa e & Co. vanno bene come cartone, ma come libro vengono superati da un altro genere di prodotti :)

  4. Francesca says

    Scusa, perchè se apro il sito dell’illustratore Philipponneau viene fuori la pagina del blog di bilinguepergioco?
    :-)

Leave a Reply