Karius e Baktus, ovvero come difendersi dai troll dei denti

Lo sapevate che, se mangiate troppi dolci e non vi lavate i denti, i terribili fratelli Karius e Baktus verranno, armati di martelli e scalpelli, a costruirsi una casa nei vostri denti? Credo che tutti i bambini scandinavi lo sappiano, per lo meno da quando il norvegese Thorbjørn Egner (1912-1990) ha pubblicato la sua storia illustrata su “Karius og Baktus” nel 1949.

Per chi non li conoscesse, sto parlando di due famigerati “troll dei denti”: il fratello maggiore Karius, tendenzialmente pessimista e dai capelli neri, e il minore Baktus, dai capelli rossi, sempre speranzoso di trovare cibi dolci e di costruire case nuove e più grandi nei denti vicini. I due conducono una vita tranquilla e agiata nella bocca del bambino Jens, che appunto non usa mai lo spazzolino e mangia un sacco di dolci, finché un giorno non inizia a lamentarsi per il terribile mal di denti.

Jens (che noi lettori non vediamo mai) impara a sue spese a seguire delle sane abitudini, così la quiete di Karius e Baktus è disturbata prima dal trapano del dentista che distrugge le loro case e poi dallo spazzolino, che li fa cadere giù per il tubo di scarico, in un vortice di schiuma di dentifricio. Nella scena finale vediamo i due troll a bordo di una zattera in mare aperto, in viaggio alla ricerca di nuovi denti in cui scavare la propria casa.

Questa storia molto efficace è subito diventata un classico e ha valicato i confini nazionali. Thorbjørn Egner è autore del testo e delle illustrazioni, ma anche delle canzoni che accompagnano la storia. Mio figlio D. è stato subito affascinato da questi personaggi con i capelli scarmigliati e le toppe colorate sui pantaloni e così i due temibili batteri antropomorfizzati sono facilmente entrati nel nostro immaginario familiare e la favola di Karius e Baktus accompagna regolarmente il rituale quotidiano di pulizia dentale.

Il libro è disponibile in norvegese (Bokmål e Nynorsk), danese (anche in versione audiolibro e app per iPhone), svedese, tedesco (su amazon.co.uk e amazon.it, anche in versione audiolibro, www.amazon.co.uk e amazon.it) e in una versione inglese pubblicata dall’editore norvegese.

La fortuna di Karius e Baktus è stata accompagnata anche da un piccolo film d’animazione di 15 minuti, creato nel 1954 da Ivo Caprino (1920-2001), un regista norvegese di padre italiano che fu un pioniere dei film con pupazzi animati. Potete vedere i primi 6:35 min del video in inglese su Youtube (anche se il filmato ha dei problemi audio) oppure la versione integrale in tedesco, sempre su Youtube. Il video è disponibile anche in DVD, insieme ad altri tre film animati di Caprino, con audio in danese, finlandese, inglese, norvegese e svedese e si può acquistare sul sito dei Caprino Studios o su amazon.co.uk

YouTube Preview Image

E infine, visto che siamo in tema di igiene dentale, vi lascio con una serie di giochi e “trucchi” per lavare i denti in serenità, anche con bambini recalcitranti, consigliati dal sito americano “What to Expect” (“Toothbrushing Games for Toddlers and Preschoolers”).

Immagine: Karius og Baktus

Related Posts with Thumbnails

Ha scritto:

Eva

Vivo a Palermo con mio marito e i miei figli D. e M., nati rispettivamente nel 2009 e nel 2012. Cresciuta in Italia da padre italiano e madre danese, per completare la babele familiare mi sono sposata con il figlio di un italiano e una nord-irlandese. Ho un dottorato in filologia latina e lavoro come traduttrice, cercando di conciliare i tempi di una mamma, il desiderio di sfruttare le mie competenze professionali e la passione per le lingue antiche e moderne.

5 Comments

  1. Posted 10/02/2012 at 10:28 | Permalink

    fantastico!! questo me lo facevano vedere alla prescuola in Germania! me lo ricordo ancora benissimo!

  2. Eva
    Posted 11/02/2012 at 15:59 | Permalink

    grazie Nicole! ho l’impressione che K&B siano piuttosto popolari in Germania…

  3. raffa
    Posted 13/02/2012 at 06:01 | Permalink

    grazie mille! non lo conoscevo, ai miei è piaciuto tantissimo e … speriamo serva!

  4. Eva
    Posted 13/02/2012 at 10:12 | Permalink

    grazie raffa! sono contenta che sia piaciuto ai tuoi… del resto i bambini sono i “critici” più importanti!! ;-)

  5. M. Ringo
    Posted 10/04/2012 at 23:26 | Permalink

    Oh Dio! Karius e Baktus mi fa tornare alla mia infanzia 50 anni fa… Questo faceva parte delle sacre scritture a casa mia… Come Rasmus Klump ha lasciato un segno indelebile.

Post a Comment

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

*
*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Subscribe without commenting