Inglese per bambini e genitori – Conclusioni di fine anno

E’ passato poco più di un mese dalla fine del mio primo anno di corsi di Inglese per bambini e genitori ad Abbiategrasso (Milano), i Learn with Mummy, ed eccomi qui a tracciare le conclusioni di quanto ho vissuto.

Ho capito che lavorare con i bambini è una sfida meravigliosa, con loro devi essere accattivante, devi saperli conquistare perché possono essere più piccoli di te ma non per questo sono meno esigenti. Sia che si tratti di gioco strutturato o di gioco libero, sono loro a decidere se quello che proponi è divertente o no.

Sono i tuoi giudici e devi essere convincente, molto convincente, perché in fatto di gioco loro ne sanno molto più di te! Sono esperti, preparati e selettivi. Non tutti i giochi piacciono e non sempre lo stesso gioco è divertente. Se sono allegri tutto è facile ma se sono giù di tono devi proporgli la carica giusta. Quando si divertono sono instancabili e la prossima volta si aspetteranno qualcosa di ancora più magico. Non puoi certo deluderli!

Di natura sono una persona riservata, a volte timida e relazionarmi con bambini che non fossero le mie figlie mi ha messo di fronte alla necessità di tirare fuori le emozioni, condividerle, sfidare la fanciulla dentro di me perché cantasse, ballasse, e si prendesse anche un po’ in giro. Un esercizio di stile impegnativo ma gratificante. Credo (spero!) di aver fatto un buon lavoro e sono sicura di poter ancora migliorare!

E che dire delle mamme e dei papà che partecipano con i bambini? Anche per loro il Playgroup è un’esperienza nuova e anche per loro può non essere facile “lasciarsi andare”. Un conto è giocare a casa propria, un altro è essere assieme ad altri adulti e bambini e dover parlare solo in Inglese!

Nei mesi trascorsi insieme ho visto genitori divertiti ed entusiasti, ma anche stanchi per la settimana di lavoro alle spalle o per l’ennesima notte in bianco. Di tutti mi colpiva il desiderio di trascorrere del tempo assieme ai propri bimbi, (uno spazio che non sempre riusciamo a ritagliarci la sera dopo il lavoro), la capacità di lasciarsi andare, ridere e giocare assieme a loro in modo nuovo, dedicando allo stesso tempo attenzione a gesti ed emozioni. Bravissimi!

Voglio condividere con voi un paio di commenti:

Chiara, mamma di N. (3 mesi): “La nostra esperienza è stata molto più piacevole che un semplice corso di lingue: abbiamo un sacco di idee con cui scandire i rituali della giornata e abbiamo coinvolto nonni e zii. N. è attentissimo nonostante il fatto che gli altri giorni dorma a quell’ora. A noi genitori piace tantissimo avere un momento così “da famiglia.

Denis, papà di I. (5 anni): “Siamo rimasti favorevolmente impressionati dal metodo adottato: non tradizionale, ma volto a favorire l’apprendimento in un ambiente gioioso, adatto ai bambini. Una grande attenzione alla psicologia dell’apprendimento: attenzione alla gestualità e all’uso delle canzoni e preziosi suggerimenti su come usare la lingua inglese a casa.”

Insomma non vediamo l’ora di ripartire! Se volete informazioni contattatemi pure, vi aspetto!!! Comunque qui trovate orari e sedi per il prossimo anno, ad Abbiategrasso e (ci sto lavorando) anche a Milano 3!

Immagine: Fiona Watt, “365 Things to Make and Do”,  Amazon UK

Related Posts with Thumbnails

Comments

  1. Elisa says

    Ciao Ivonne,
    mi piace molto l’entusiasmo con cui descrivi questa esperienza e l’attenzione che mostri nei confronti dei tuoi piccoli “allievi”. Anche io vorrei tanto partecipare con mia figlia a un gruppo del genere, in cui cioè l’apprendimento dell’Inglese possa essere associato a momenti di divertimento in compagnia di altri bimbi e di mamma o papà. Lei pero’ ha già 5 anni e mezzo e si esprime abbastanza in Inglese, sarebbe bello pensare ad una proposta alternativa e complementare al “Learn with Mummy” che si rivolga a chi si trova in questa situazione. Anche in una città grande come Milano non so se esistono realtà di playgroup del genere. Forse è davvero complicato trovare la formula giusta, garantire la continuità, trovare partecipanti che siano piu’ o meno allo stesso livello?? Chissà, io sono sempre alla ricerca.
    Ciao Elisa

  2. says

    Ciao Ivonne, mi piacerebbe molto fare un corso così… Hai per caso in programma di spostarti in Toscana??
    Ciao Elisa, ho pensato anch’io a corsi di livello superiore, per andare oltre l’oralità e per garantire una continuità ‘alta’… se trovi qualche iniziativa ce la segnali? Grazie! Jessica

  3. Chiara says

    Ciao Elisa, anch’io vivo a Milano e mia figlia di anni ne ha 7 e mezzo; da piu’ o meno altrettanti cerco playgroup di livello: oggi lei parla bene inglese, ma mi piacerebbe poterla far giocare sulla lingua in modo che imparasse qualcosa di piu’ senza doverla iscrivere ai classici corsi che temo potrebbero allontanarla dal suo grande amore per l’inglese, vista la poca propensione alla scolarizzazione classica che dimostra… Se scopri qualcosa fammi sapere.

  4. Ivonne says

    @ Elisa: sì, i Playgroup mi regalano grandi emozioni! Per Milano, da settembre ci sarà Alessia a portarli finalmente in città. A 5 anni e mezzo si può ancora partecipare ai Learn with Mummy, potresti pensarci!
    Ciao Jessica, sarebbe bello ritornare alle mie origini toscane, chissà, magari un giorno! :)
    @ Chiara: per poter accontentare anche i più grandicelli ci stiamo lavorando, abbiate ancora un po’ di pazienza, ce la faremo!

    Il Playgroup (LwM o Woobidoo) è un’esperienza di gioco full immersion in Inglese, ogni bambino imparerà in base alla propria predisposizione, sia che conosca già l’Inglese che non, quindi è adatto a tutti!

  5. nuova says

    Ciao, arrivo a questo magnifico sito perchè mi sono imbattura nel formato narrativo che usate ai vostri incontri.
    Ho partecipato all’incontro conoscitivo e alla dimostrazione, mi sono appassionata e ho approfondito.
    Non ho capito come funziona l’apprendimento extra format però.
    Capisco che il bambino reciti e riproponga l’episodio con l’aiuto della “maestra”, e capisco che intuisca parole semplici e ripetute come egg, tail etc. ma non capisco come possa fare sue frasi come “who am I?”, fare sue nel senso di riproporle fuori dal contesto del format.
    mi metto nei suoi panni: ha visto che c’è un personaggio che non è nè una rana nè una papera, prende lo specchio e si guarda, poi dice qualcosa… come fa il bambino a capire che sta proprio dicendo “chi sono io?” il personaggio potrebbe dire “come sono bello!”
    forse non mi spiego bene, ma mi immagino me stessa che guarda il musical per esempio in giapponese…. potrei sì ripetere quanto detto e comprendere il senso della storia, ma non saprei se sto dicendo “c’era una volta un uovo e dentro c’era X” piuttosto che “un cucciolo sta dormendo al buio” Grazie a chi mi aiuta a capire.

    • Bilingue Per Gioco says

      Ciao, il processo è lo stesso dell’apprendimento della prima lingua. A furia di sentire espressioni simili ma non sempre identiche utilizzate in contesti diversi il bambino impara il significato delle varie espressioni e parole a prescindere dai contesti. In questo senso aiuta molto il fatto che il lessico e l’esposizione linguistica dei Learn with Mummy sia molto varia e diversificata e vada ben oltre i format, come pure aiuta l’uso della gestualità, che in molti casi è determinante nel chiarire il significato (nel caso dell’egg per esempio il dubbio non sussiste, nè si può confondere un’interrogativa – chi sono io?- con un’esclamativa – come sono bello!-).

      Posso chiederti a quale incontro conoscitivo e dimostrazione hai partecipato?

      L.

  6. paola says

    ciao avrei un gran desiderio di partecipare ad un corso simile ma suppongo che in sicilia non ci sia ancora niente di simile? mi sbaglio o potete darmi qualche dritta?
    grz paola

  7. Valeria says

    Ciao Ivonne, mi piacerebbe moltissimo partecipare ai Playgroup con il mio bimbo. Noi viviamo a Milano, accennavi al fatto che Alessia da Settembre avrebbe iniziato a portarli in citta’, mi puoi per cortesia indicare dove si svolgono e come fare per iscriversi? Grazie mille!

      • milanese says

        Ciao, in un altro post Letizia ha citato un bambino che ha finito il III livello del format. Mi sono illuminata!
        Quindi i Learn with mummy non trattano solo le prime 6 “puntate”!! Woopy!
        Volevo sapere se a Milano c’è un gruppo che sta percorrendo le avventure del livello III.
        Grazie

        • Bilingue Per Gioco says

          Ciao, a Milano quest’anno c’è solo l’1, ma secondo me stai trascurando un aspetto importante, i Learn with Mummy sono molto di più del format, che ne è solo un elemento.
          L.

Leave a Reply