Un’app per esplorare il mondo: Barefoot World Atlas

Se anche i vostri bambini sono curiosi dei fatti del mondo, delle diverse specie animali e dei loro habitat, dei monumenti famosi o dei mezzi di trasporto, delle piante o dei fenomeni naturali presenti nelle varie regioni del mondo, allora Barefoot World Atlas è l’app che fa per voi. Della casa editrice Barefoot Books abbiamo già parlato tempo fa (con la recensione del delizioso “The Journey Home from Grandpa’s”). Questa app è nata dal libro “Barefoot Books World Atlas”, scritto dal geografo e conduttore BBC Nick Crane e illustrato da David Dean. Lo sviluppatore dell’app è Touch Press, noto per altre app istruttive come “March of the Dinosaurs” o “The Elements”.

Aprendo l’app, avrete un coloratissimo mappamondo 3D a portata di polpastrello: potrete farlo ruotare o allargare e restringere l’immagine a vostro piacimento. Con un semplice tocco del dito, si aprirà la “pagina” dell’oggetto che vi interessa: l’illustrazione di David Dean, un testo più o meno breve (che potete leggere da soli o farvi leggere dalla rassicurante voce BBC di Nick Crane) e una fotografia tratta da Wikimedia Commons e Creative Commons. Anche la parte sonora è molto curata: dolci musiche di sottofondo cambiano man mano che si passa da una zona del mondo all’altra e anche gli oggetti e animali particolari sono spesso caratterizzati ciascuno dal proprio suono tipico.

Ci sono molti modi di usare questa app ricchissima di informazioni e notizie, che non mancherà di farvi trascorrere ore di intrattenimento intelligente in compagnia dei vostri bambini, fornendovi buoni spunti per il dialogo e anche stuzzicando la curiosità di saperne di più (mio figlio D., ad esempio, mi chiede sempre cosa mangia questo o quell’animale e non sempre io o l’Atlas app abbiamo la risposta pronta). Oltre che facendo ruotare il mappamondo e cliccando su ciò che vi interessa, potete “navigare” l’app secondo le diverse regioni del mondo, per ciascuna delle quali trovate la lista dei paesi interessati e informazioni su clima, risorse, popolazione e così via.

Si può leggere questo innovativo atlante anche paese per paese, ciascuno dei quali è individuato dalla sua forma geografica e dalla bandiera, ma anche da informazioni sulla popolazione, sulla valuta usata o sulle emissioni di CO2 e perfino sul medagliere olimpico 2012. Un aspetto molto interessante è reso possibile dalla tecnologia WolframAlpha, che fornisce “live country data”, ovvero dati in tempo reale sull’orario o sulla temperatura del luogo. Un’ulteriore possibilità di ricerca è quella per “Features”, dove si possono trovare città, animali, monumenti e molto altro, da Algeri al Colosseo, dal dugongo alla Torre Eiffel, da Genghis Khan alla nave rompighiaccio… Infine, con un semplice tocco del dito potrete inserire ciò che più vi interessa in una lista di preferiti per ritrovarli in maniera rapida e agevole.

Una cosa che trovo un po’ fastidiosa è che l’app si “pianta” ogni volta che parte il salvaschermo e va poi riavviata, non consentendo di ricominciare la ricerca da dove l’avevamo lasciata. Un piccolo neo che spero venga corretto nelle prossime versioni dell’app.

L’app è sviluppata per iPad, iPhone e iPod Touch, ma se ne fa l’uso migliore sullo schermo dell’iPad. È disponibile sull’App Store in inglese, spagnolo e catalano.

Il libro “Barefoot Books World Atlas” è disponibile su amazon IT e su  amazon UK

 

Related Posts with Thumbnails

Comments

  1. Francesca says

    Ciao! Ho visto che l’app costa 4.49euro quindi non proprio economica (x un’app dico) … dici che per un bambino di 2 anni è un po’ troppo avanzata? In caso la metto nella mia ‘wish list’. Grazie!

    • Eva says

      In effetti non è un’app economica, ma secondo me il suo prezzo lo vale. Credo che l’app possa essere usata a vari livelli. Per un duenne forse è ancora presto. Il mio D. che ha tre anni e mezzo la usa (in compagnia di mamma o papà) con grande interesse, ma alcune informazioni non sono ancora alla sua portata. Immagino che bambini più grandi, magari alle scuole elementari, possano cogliere (e interessarsi a) maggiori dettagli.

Leave a Reply