Crescere i bambini bilingui non e’ difficile, qualunque sia la situazione di partenza, ma e’ necessario identificare il metodo giusto per la propria famiglia e seguirlo con costanza.

Le tecniche piu’ comunemente usate e descritte sono:

  • Una Persona Una Lingua (One Person One Language, OPOL): in pratica significa che una persona parlera’ sempre ed esclusivamente la seconda lingua col bambino, in genere vuol dire che ogni genitore parla la sua madrelingua col figlio. E’ uno dei metodi piu’ utilizzati, pero’ non va trascurato che comunque il bambino per imparare efficacemente ha bisogno di sentire la lingua per un tempo considerevole ogni giorno (difficile se il papa’ non e’ mai a casa) e da piu’ persone e in piu’ contesti.
  • Lingua Minoritaria a Casa (Minority Language At Home, MLAH): con questo metodo tutta la famiglia parla a casa la lingua minoritaria (cioe’ per chi vive in Italia, qualunque lingua tranne l’Italiano). Questo metodo e’ efficace nel promuovere l’apprendimento della seconda lingua, l’unico svantaggio e’ che il bambino puo’ avere un apprendimento della lingua dominante piu’ lento dei suoi coetanei. Cio’ e’ solo transitorio, appena vanno a scuola i bambini raggiungono velocemente una padronanza della lingua uguale a quella dei loro coetanei, comunque puo’ creare delle perplessita’ per alcuni genitori.
  • Inventare un modello adatto alla propria famiglia. Tante famiglie hanno utilizzato metodi diversi che ben si addattavano alle proprie esigenze. La regola principale in questi casi e’ scegliere un modello e poi avere la costanza di attenervisi con precisione. Alcuni esempi possono essere: una lingua per le vacanze e una per il resto dell’anno, una lingua per i weekend e una per gli altri giorni della settimana, il primo che parla sceglie la lingua, una lingua viene utilizzata in posti o circostanze specifiche, la famiglia organizza tutte le settimane una cena per esempio giapponese (e si mangia e parla giapponese), etc. etc. ect

Nel decidere quale metodo utilizzare ogni famiglia dovra’ considerare quali sono le proprie risorse e limiti, per esempio quanto tempo ogni genitore puo’ passare con i bambini, se ci sono altre persone oltre ai famigliari stretti che possono parlare la seconda lingua, qual e’ la lingua parlata nel paese in cui si vive, etc. etc.

APPLICAZIONI PRATICHE

Ogni famiglia ha il proprio metodo, o declina un metodo standard a modo suo. Leggi le storie delle altre famiglie, i loro espedienti, le loro difficoltà, ti aiuterà sicuramente a chiarirti le idee. Le trovi nelle categorie Famiglie o Non madrelingua

APPROFONDIMENTI