Scegliere la scuola per i propri bambini puo’ essere complicato, soprattutto nel caso di una famiglia bilingue o che aspiri a far apprendere una seconda lingua ai bambini. La scuola riveste un ruolo fondamentale nel plasmare e formare i bambini, e molto spesso la famiglia bilingue, o aspirante tale, deve scegliere tra un modello scolastico che conosce (e non sempre) e modelli che non conosce, con le incertezze che ne conseguono.
Le principali scelte sono tra:
scuola “normale”, pubblica
scuola internazionale
scuola bilingue, pubblica o privata.

Ognuna di queste opzioni presenta vantaggi e svantaggi, per scegliere bisogna informarsi bene. Questi post vi aiuteranno a chiarirvi le idee, a capire pregi e difetti di ogni modello e soprattutto a farvi una lista di domande da chiedere agli istituti.

 

Prima di partire pero’ e’ bene ricordare che la lingua e’ solo uno degli elementi da valutare nella scelta, ci sono molto altri fattori, vostro figlio passera’ anni in quella scuola ed e’ bene che voi siate sereni nella vostra scelta e abbiate fiducia nell’istituto e nelle insegnanti. Altra considerazione, pensate fin da subito nel lungo termine. Nel momento in cui scegliete una scuola materna domandatevi anche cosa pensate di fare per le elementari e dopo, anche se e’ difficile. L’apprendimento di una lingua richiede anni, iniziare un percorso che non si potra’ portare a termine puo’ essere uno spreco di tempo e denaro, quindi e’ meglio per tutti impostare fin dall’inizio un percorso che si potra’ portare avanti nel tempo. Anche perche’ la scuola non e’ l’unico strumento a disposizione per imparare una lingua. A questo riguardo leggete questo post: 7 domande per capire se posso insegnare una lingua straniera a mio figlio.

81 Comments

  1. Letizia
    Posted 22/05/2010 at 11:53 | Permalink

    cara Letizia,
    (siamo omonime); sono un’insegnante di scuola elementare ed ho appena ricevuto, da una collega, l’indirizzo del vostro sito. Già da una prima occhiata superficiale, vedo quanto sia interessante epieno di articoli, commenti ed idee che non mancherò di leggere un po’ per volta.
    Dal prossimo anno scolastico, con due colleghe, nella mia scuola primaria (ed altre cinque della Lombardia) faremo partire un progetto di bilinguismo (Geografia e Scienze in Inglese) monitorato dal MIUR e dall’Ufficio scolastico regionale (Progetto BEI, si trovano informazioni anche in Internet), perciò il mio interesse per il tuo sito è naturalmente decuplicato dal fatto che dovrò lavorare proprio in questo settore.
    Ho provato ad iscrivermi al sito, ma non essendo un genitore bilingue non me ne dà la possibilità, però mi interesserebbe essere aggiornata e leggervi con regolarità.
    Grazie
    Letizia (parlo anche a nome delle mie due più dirette colleghe)

    • Bilingue Per Gioco
      Posted 22/05/2010 at 14:48 | Permalink

      Letizia,

      ti ho appena scritto una mail. Certo che puoi registrarti e mi farebbe molto piacere saperne di più del vostro progetto, se riusciamo a farci due chiacchere mi farebbe molto piacere, poi ovviamente possiamo aggiornare anche i lettori…

      A presto spero,
      L.

      • sonia
        Posted 09/01/2012 at 11:53 | Permalink

        cara Letizia (maestra) e care mamme.
        Sono mamma di una bimba di 5 anni che a settembre 2012 inizierà la scuola primaria e avremmo scelto di iscriverla alla primaria oggioni di villasanta che aderisce al progetto BEI.
        mi piacerebbe avere qualche scambio di esperienza più diretta di mamme , anche di altre scuole che hanno aderito a questo tipo di progetto. Spero sia possibile contattare qualcuna di voi,
        Letizia maestra, complimenti per il bellissimo sito!

        • Stefano
          Posted 21/12/2012 at 23:37 | Permalink

          Ciao Sonia,
          sto pensando di iscrivere mia figlia alla scuola Oggioni di Villasanta, tua figlia come si trova? Tu sei soddisfatta della scelta?
          Te lo chiedo perchè se dovessimo orientarci verso questa opzione saranno diversi i sacrifici che dovremo affrontare, sia noi genitori che ovviamente nostra figlia.
          Grazie

          • sonia
            Posted 04/01/2013 at 22:47 | Permalink

            ciao stefano.
            io sono di monza e non villasanta quindi posso capire la difficoltà logistica che dovrete affrontare in caso di scelta. io sono davvero soddisfatta della scelta. e anche il mio secondo bimbo tra due anni sarà iscritto li. sono assolutamente entusiasta del fatto che utilizzino come metodo di insgnamento di inglese il jolly phonics, utilizzato anche nelle primarie inglesi per l’apprendimento della lingua inglese, e al di la di questo la dirigente scolastica , il copro docente è davvero impostato alla mission di insegnamento. Ho partecipato a differenti open day e presentazioni. In nessuna ho percepito lo stesso clima di passione, voglia di fare e partecipazione. Devi avere ben chiaro che però questa scelta se desideri una scuola internazionale non è quella adatta. Non pensare che alla fine del primo anno sia in grado di parlare correttamente in lingua inglese, ma è in grado di comprendere questo si. Al momento nelle 6 ore di lezione in lingua anche delle materie curriculari , le maestre riferiscono che i bimbi ascoltano, comprendono ed eseguono . Quindi personalmente anche se devo quotidianamente utilizzare l’auto per portarla a scuola…sono assolutamente contenta della scelta!
            ciao e a presto

  2. Elisabetta C.
    Posted 25/05/2010 at 15:52 | Permalink

    Cara Letizia – maestra,
    non sono una maestra ma una mamma (romana) di bambine che vanno ad una scuola bilingue italiano inglese, ovviamente paritaria (ne ho scritto già ampiamente in altri ‘post’, quindi non sto qui a dilungarmi.
    Ho letto del progetto BEI – Bilingual Education, Italy sul web e ho pensato… finalmente ci si sta arrivando anche nella scuola pubblica!!
    Poichè sono molto attenta a come è stato ‘costruito’ il programma bilingue a scuola delle mie figlie (anche di questo ne ho scritto in questo sito, forse tra i commenti ai diversi ‘post’) mi interessa molto capire come state procedendo con questo progetto, che può costituire una sorta di ‘best practice’ anche per la scuola italiana (soprattutto se un domani la si smette con i tagli e si ricomincia a investire sul futuro…)
    a presto
    Elisabetta

    • Letizia
      Posted 03/06/2010 at 13:26 | Permalink

      Cara Elisabetta,
      simo ancora in fase di attuazione. Al progetto hanno aderito sei scuole della Regione Lombardia.
      Per il momento stiamo seguendo una formazione, pressapoco il progetto consiste nel dedicare all’insegnamento della lingua inglese un monte ore di circa sei ore a settimana; ognuna delle sei scuole deciderà autonomamente quali discipline presentare; la mia scuola ha deciso di offrire agli alunni Scienze e geografia totalmente in lingua Inglese.
      Oviamente stiamo lavorando sulla programmazione, ogni tanto scriverò in questo Blog, perciò se vorrai potrai leggere come procederà la sperimentazione.
      A presto
      letizia (maestra)

      • Bilingue Per Gioco
        Posted 03/06/2010 at 15:05 | Permalink

        Letizia (maestra),

        siamo curiose, racconta per favore! Ma chi farà queste lezioni in lingua? L’insegnante della materia, un’insegnante di Inglese, le due insieme, delle insegnanti esterne prese apposta, o… ?
        L.

        • letizia
          Posted 03/06/2010 at 19:20 | Permalink

          Cercherò di spiegare per linee generali, sperando però di essere abbastanza chiara:
          Nelle scuole superiori di primo e secondo grado, già da qualche anno viene utilizzata la metodologia CLIL (Content and Language Integrated Learning, cioè insegnamento integrato di una disciplina in una lingua che non sia la lingua maggioritaria, ma una lingua straniera, ad esempio Scienze in Francese): le lezioni avvengono in contemporaneità dai due insegnanti, quello di Lingua che “veicola” il programma preparato dall’insegnante di disciplina, che comunque assiste ed interviene per supportare l’altro nella parte scientifica; in alcuni casi la lezioni in lingua viene invece svolta dall’insegnante di disciplina, che però deve conoscere piuttosto bene la lingua, e che è assistito dall’insegnante di lingua quando gli manca un vocabolo, o una pronuncia.
          Nel progetto BEI ( ci sono dei riferimenti in Internet che vi copio più sotto) invece l’insegnante di scuola primaria che ha l’abilitazione per l’insegnamento della L2, che è ormai l’Inglese, ma è anche insegnante di disciplina, presenterà la sua lezione da solo.
          E’ una bella sfida, perchè ci si deve preparare in un linguaggio accademico per poter presentare l’argomento disciplinare ai bambini.
          Ecco i riferimenti Internet: i primi due sono dell’Ufficio Scolastico Regionale, il terzo è del british council: si tratta per ora di linee generali, perchè gli insegnanti coinvolti sono per il momento impegnati nella formazione, poi ognuna delle sei scuole partirà a settembre con l’organizzazione che si sarà data.
          A presto
          letizia – maestra
          http://www.progettolingue.net/wp-content/uploads/Progetto-BEI-Lombardia1.pdf
          http://www.progettolingue.net/?p=1085
          http://www.britishcouncil.org/it/italy-bilingual-education.htm

          • Stefania
            Posted 29/12/2010 at 16:08 | Permalink

            Cara Letizia (maestra),
            insegno anch’io in una scuola primaria, non bei, in provincia di Milano.
            L’iniziativa mi interessa, mi chiedevo se posso contattarti, magari privatamente dato che la cosa può non interessare i genitori bilingui, per chiederti ulteriori informazioni.
            Grazie

      • Raffa
        Posted 06/02/2014 at 08:51 | Permalink

        Buongiorno Letizia,

        Potresti darmi ulteriori dettagli su come il progetto BEI è stato portato avanti nella tua scuola?
        Te lo chiedo perchè la Preside della scuola pubblica che mia figlia dovrebbe frequentare in provincia di Varese ha prospettato l’avvio di un progetto di potenziamento della lingua inglese che, a tendere, dovrebbe essere il progetto BEI. Dico “a tendere” perchè a settembre 2014 partirà una sperimentazione per le classi prime che prevede l’utilizzo del metodo CLIL per l’ora di educazione all’immagine e, se la cosa viene bene accolta dai bambini, negli anni successivi alle classi prime verra’ proposto il vero e proprio BEI (se si reperiscono i fondi credo…).
        Mi interesserebbe sapere se il progetto si sta sviluppando o se ha incontrato degli ostacoli. Vorrei sapere come è stato accolto dai bambini e quali risultati sono stati raggiunti.
        Da quello che ho capito ogni scuola è autorizzata a “declinare” il progetto a suo piacimento rispettando alcune linee guida. Mi potresti dare un’idea di quello che avete fatto voi?
        Grazie
        Raffaella

  3. Silvia
    Posted 14/06/2010 at 16:42 | Permalink

    Ciao Letizia (“padrona di casa”),
    sono una mamma della provincia di Torino e mi sono imbattuta per caso in questo tuo magnifico sito!
    Ho letto dell’iniziativa dei playgroups che sono stati avviati in diverse scuole dell’area romana, se non sbaglio, e trovo che sia una proposta davvero molto importante e stimolante, specie per quelle realtà famigliari in cui, per vari motivi, l’opzione di una scuola internazionale per i propri figli (io ne ho 3!) non è possibile.
    Mi chiedevo se tale progetto potesse, in qualche modo, essere “importato” anche qui da noi in Piemonte!
    Se ne parlassi alle maestre delle mie due figlie più grandi (una all’asilo e l’altra appena uscita dalla prima elementare) e le mettessi in contatto con te, credi che si potrebbe fare qualche cosa?
    Grazie e ancora complimenti!!!
    Silvia

    • Bilingue Per Gioco
      Posted 14/06/2010 at 16:46 | Permalink

      Silvia,
      ti ringrazio, la domanda non è se, ma come. Ti scrivo.
      L.

  4. letizia
    Posted 26/01/2011 at 20:27 | Permalink

    per Stefania,
    ciao sono letizia (maestra). Mi scuso di leggere solo ora il tuo intervento del 29/12, ma questo progetto sta assorbendo tutte le mie energie.
    se vuoi puoi contattarmi scrivendomi presso l’Istituto Ciresola di Milano (sulla busta scrivi maestra Letizia, mi conoscono tutti).
    non saprei altrimenti come fare a darti i miei riferimenti.
    ciao
    L.

    • sonia
      Posted 07/02/2012 at 12:15 | Permalink

      gentile Stefania,
      ho una bimba che a settembre inizierà (se ammessa) le elementari a Villasanta, come progetto BEI.
      volevo chiederle a livello d esperienza come è vissuta dai bimbi, cosa ne pensa lei come insegnante e avere un punto di vista diverso da quelle delle insegnati della scuola di Villasanta che appaiono entusiaste del progetto
      grazie

    • Barbara
      Posted 18/12/2012 at 12:26 | Permalink

      Buongiorno Letizia,
      mia figlia frequenta una delle scuole milanesi aderenti al progetto Bei , partito qualche anno fa. Sono molto soddisfatta dell’insegnamento dell’inglese per quanto riguarda quest’anno scolastico, grazie all’insegnante attualmente in carica nella seconda classe di mia figlia, questo per segnalare il fatto che la buona riuscita o meno del progetto dipende molto dall’insegnante che ti capita ( ma questo vale un po’ per tutte le materie !) Devo però osservare che all’interno dell’Istituto il progetto non ha trovato poi così tanto interesse ed appoggio e con il recente cambio di dirigente , ( che , nonostante la giovane età, sembra non voler sposare appieno il Bei) si sono generate delle problematiche che non ci garantiscono ad oggi la portata termine del programma fino alla 5a elementare. Volevo quindi sapere come stanno andando le cose all’Istituto Ciresola : come è stato accolto il progetto da parte dei genitori e dei docenti ? Pare che uno dei problemi sia reperire insegnanti all’altezza e certificati , inoltre molti docenti restano, non so per quale motivo, contrari al programma ed effettuano ostruzionismo. Insomma il grande entusiasmo iniziale ben spostao dalla dirigente precedente si è fortemente pacato ed il fatto che il Bei non venga garantito come avevano promesso in fase di iscrizione mi scoccia moltissimo. Pare quindi che dall’anno prossimo le classi nuove iscritte saranno Bei solo al 50% a differenza di questo e l’anno scorso quando non era possibile scegliere tra metodo tradizionale e Bei.
      Ti ringrazio per l’attenzione , resto in attesa di approfondimenti.
      Cordialmente
      Barbara

      • Raffa
        Posted 03/02/2014 at 14:59 | Permalink

        Buongiorno Barbara,

        Vorrei sapere se il progetto BEI nella scuola frequentata da tuo figlio sia stato portato avanti o meno e con quali risultati.
        Te lo chiedo perchè la Preside della scuola pubblica che mia figlia dovrebbe frequentare in provincia di Varese ha prospettato l’avvio di un progetto di potenziamento della lingua inglese che, a tendere, dovrebbe essere il progetto BEI. Dico “a tendere” perchè a settembre 2014 partirà una sperimentazione per le classi prime che prevede l’utilizzo del metodo CLIL per l’ora di educazione all’immagine e, se la cosa viene bene accolta dai bambini, negli anni successivi alle classi prime verra’ proposto il vero e proprio BEI (se si reperiscono i fondi credo…).
        Mi sapresti dire qualcosa in più su quanto è stato effettuato nella tua scuola? Tuo figlio come si è trovato?

  5. letizia
    Posted 26/01/2011 at 20:32 | Permalink

    Sempre per Stefania. Ti invito a leggere la circolare dell’Ispettrice Langè sul BEI.
    ciao
    letizia (maestra)

    http://www.istruzione.lombardia.it/protlo275_10/

    • Flavia
      Posted 08/03/2011 at 11:38 | Permalink

      Salve Letizia, mi ha molto interessata il suo intervento in particolare perchè dall’anno prossimo spero mio figlio possa frequentare una classe BEI presso la Ciresola. Sono stata e lo sono tuttora molto in dubbio nella scelta tra scuola pubblica e privata, ma leggendo e documentandomi circa il progetto BEI ho ritenuto di scegliere per l’istruzione pubblica “sperimentale”. Volevo chiederle se secondo lei sarà garantito il progetto per i prossimi 5 anni indipendentemente dalla scure dei tagli ai fondi per le scuole.

      • Bilingue Per Gioco
        Posted 08/03/2011 at 12:12 | Permalink

        Flavia, non ne ho la minima idea, mi spiace…

  6. MASSIMO
    Posted 09/03/2011 at 19:40 | Permalink

    ciao Letizia,
    mia moglie ed io stiamo vivendo una situazione penso non usuale.
    Abbiamo 2 bimbi meravigliosi, Ale di 2 anni ed 8 mesi e Sofia di 8 mesi.
    dobbiamo scegliere dove mandare Ale all’asilo e siamo pieni di dubbi.
    Attenzione, viviamo in polonia, mia moglie e’ bulgara, io italiano e la baby sitter e’ polacca.
    Ale per ora reagisce molto bene al plurilinguismo, anche perche’ ce la mettiamo tutta a parlare ognuno esclusivamente nella lingua madre.
    E’ un traduttore eccezzionale, e sa perfettamente in quale lingua rivolgersi a chi.
    Quindi per ora tutto ok.
    Viviamo in polonia da parecchi anni ma non si sa mai nella vita cio’ che puo’ capitare, quindi siamo restii, anzi contrari ad iscrivere nostro figlio ad una scuola polacca, pubblica o privata che sia.
    Che fare? Naturalmente vivendo in una capitale, sono presenti diverse scuole, inglese, americana, francese, canadese. Italiana no. Bulgara neanche.
    La domanda e’ , se inseriamo una quarta lingua, scegliendo la scuola inglese, carissima, o francese, Ale avra’ la possibilita’ di continuare il corso di studi iniziato qui dovunque nel mondo, ma faremo il bene o il male di nostro figlio?
    Complimenti per il sito, eccezionale.
    Saluti.

  7. chiara
    Posted 20/04/2011 at 23:46 | Permalink

    Care Letizia ed Elisabetta,
    vorrei chiedervi un parere sulla difficile scelta della scuola per mia figlia che ha ora 15 mesi.
    Da quando aveva 8 mesi ha una tata inglese per 4 mattine alla settimana a cui è molto affezionata e sembra riuscire a capire abbastanza di ciò che le dice.
    Vorrei tanto che mia figlia imparasse l’inglese fin da piccola ma non possiamo permetterci di mantenerle tutti gli studi in una scuola internazionale.
    Vorrei sapere se secondo voi farle fare solo la materna o anche le elementari in una scuola inglese può essere utile o se invece davvero rischia di essere una perdita di tempo e di denaro.
    Un grazie sentito,
    Chiara

    • Posted 28/04/2011 at 13:07 | Permalink

      Non sono soldi buttati, specie se la scuola è buona. Impari contemporaneamente a parlare, scrivere, leggere in lingua ma soprattutto hai una comunità di riferimento, anche sotto il profilo culturale (oltre a quella italiana, beninteso!).
      L’ideale sarebbe scuola dell’infanzia + scuola primaria. Altrimenti solo la prima, perchè poi è più difficile entrare. Vedi su questo sito i commenti ai post sulle scuole internazionali, specie se sei di Roma o di Milano.
      auguri
      Elisabetta

  8. Cristina
    Posted 01/06/2011 at 12:23 | Permalink

    Cara Letizia,
    leggo da qualche mese con molta attenzione questo interessantissimo Blog, ma ora mi rivolgo a te e alle Mamme più esperte per un consiglio.
    Io sono nata in Italia ma all’età di otto anni i miei genitori si sono trasferiti in Germania e hanno preso la coraggiosissima decisione di iscrivermi a scuola tedesca. Il bilinguismo l’ho, quindi, vissuto sulla mia pelle. A casa italiano a scuola tedesco e le altre lingue (inglese, francese e spagnolo). Ho terminato le scuole in Germania poi ho studiato in Italia e poi nuovamente mi sono trasferita prima in Svezia poi Inghilterra per lavoro. Ora, però, sono tornata in Italia e, con mio marito almeno per il momento e per motivi familiari, abbiamo deciso di stabilirci vicino alle nostre famiglie.
    Il mio piccolo Matteo ha 11 mesi e attualmente frequenta un asilo nido italiano. Io amo molto l’Italia ma non concordo in primis sui metodi educativi / pedagogici utilizzati nelle scuole Italiane. Mi spiego meglio: in Germania la scuola era fonte primaria per stimolare l’autonomia del bambino/ adolescente ed educarlo verso la responsabilità sociale e attenzione verso le tematiche importanti come l’ambiente. Tant’è che non esiste la figura del “bidello” ma i ragazzi alla fine delle lezioni devono mettere a posto la classe per lasciarla come l’hanno trovata, i libri e gli strumenti musicali vengono messi a disposizione dalle scuole stesse e riconsegnati a fine anno. Lo studio nozionistico è ridotto al minimo per far spazio alla possibilità di imparare tramite attività e sopratutto in gruppo. La mia non vuole essere una polemica nei confronti della scuola Italiana, solo che non rispecchia i valori e l’educazione che vorrei dare io a mio figlio. Quindi stavo cercando una scuola a Roma che attrvaerso lo studio della lingua rispecchi anche questi concetti di vita. Io e mio marito ci stiamo orientando verso la scuola svizzera di Roma, ma ecco il mio dubbio: sarò in grado di supportare mio figlio in un cammino di bilinguismo non essendo madrelingua? Io ero facilitata perché il mio ambiente parlava solo queste due lingue, ma per lui sarà fonte di confusione? Mio marito poi non parla tedesco ma dovrà comunque gestire insieme a me un bimbo i cui compiti sono in tedesco. Insomma domande pratiche ma a cui io da sola non rieco a dare una risposta.
    Scusate per il commento un pò lungo!

    • Bilingue Per Gioco
      Posted 02/06/2011 at 08:50 | Permalink

      Cristina,
      sulla tua capacità di seguire il bambino in tedesco non avrei dubbi, come del resto sull’impossibilità di tuo marito di fare lo stesso. Non è una domanda facile la tua e le cose da valutare sono molte, io ti posso confermare di aver sentito parlare davvero molto bene della scuola svizzera di Roma, di più non posso dirti…
      Ciao,
      Letizia

      • Jenny
        Posted 28/02/2014 at 15:29 | Permalink

        Letizia ciao. Scusa se disturbo, ho letto che hai sentito parlar bene della Scuola Svizzera a Roma…e della Svizzera a Milano sai qualcosa? Grazie mille!

        • Bilingue Per Gioco
          Posted 01/03/2014 at 08:31 | Permalink

          mi spiace, io non ne so nulla
          L.

  9. francesca
    Posted 03/06/2011 at 23:12 | Permalink

    Da settembre mi trasferirò a Roma e devo decidere se per mia figlia di 6 anni ,che ha un po’ di ritardo del linguaggio , sia meglio una scuola italiana oppure puo’ essere in grado di frequentare anche una scuola internazionale . Conoscete professionisti validi che abbiano avuto esperienze in merito? Mia figlia frequenta da due anni un asilo bilingue ,per ora tutto bene ma quando dovra’ cominciare a scrivere e a leggere in una lingua che ha un grafema diverso dal fonema sara’ troppo complicato per lei ?
    Grazie Francesca

  10. ele
    Posted 07/10/2011 at 19:39 | Permalink

    Ciao Letizia,
    sono arrivata per caso su questo sito e lo trovo molto interessante. Abito in provincia di milano e mia figlia frequenta una scuola materna bilingue e mi piacerebbe farle frequentare una scuola elementare bilingue e vedo che molte delle mamme che portano i figli nella stessa scuola materna che frequenta mia figlia la pensano allo stesso modo. Le scuole elementari bilingui sono piuttosto lontane e quindi sto valutando la folle idea di coinvolgere un pool di persone per aprirne una.
    Un’amica spagnola mi ha riferito che in spagna hanno aperto negli anni diverse scuole bilingui con un sistema tipo “franchising”, per caso tu ne sai qualcosa?
    Questo modello in Italia esiste già per i nidi e le scuole materne e da quel che ne so funziona molto bene….
    Grazie
    Ele

    • Bilingue Per Gioco
      Posted 07/10/2011 at 23:46 | Permalink

      non conosco reti di franchising per le scuole elementari, il che non significa che non esistano… comunque secondo me l’aspetto più critico sarebbe trovare il corpo docenti, un aspetto da non sottovalutare…
      L.

  11. MELANIE
    Posted 10/10/2011 at 17:44 | Permalink

    Io sono una mamma inglese residente a Trento da 13 anni con due bimbe perfettamente bilingue: Emily has quasi 5 anni e Georgia due e mezzo. A gennaio devo iscrivere Emily alla scuola elementare a siamo fortunati che qua a Trento possiamo scegliere fra scuola italiana, inglese o tedesca, tutte pubbliche. La bambina sa perfettamente l’inglese, quasi meglio dell’italiano anche se nata qua e con papa’ e parenti italiani. Stiamo percio’ pensando di mandarla a scuola tedesca, e volevo chiedere un consiglio: sarebbe troppo difficile per lei avendo gia’ le due lingue? La scuola è fatta aposta per bambini italiani, non devono essere già bilingue. Grazie!

    • ilaria
      Posted 11/06/2012 at 11:02 | Permalink

      Ciao,
      io mi sono da poco trasferita in italia dall’inghilterra e a Roma una realtà come quella che tu descrivi di Trento non esiste…..mi stai dicendo che a trento c’è una scuola inglese pubblica? posso chiedere se ti sei informata su sistemi educativi e cosi via?

  12. donna
    Posted 28/10/2011 at 15:34 | Permalink

    Ciao mi chiamo Donna e sono bilingue inglese/italiano. Anche i miei due bambini lo sono e vorrei per loro una scuola che dia la giusta importanza all’inglese. Sono alla ricerca di una scuola primaria dove
    1) si faccia almeno più di un’ora di inglese alla settimana, anche in prima (!)
    2) l’orario di entrata e uscita sia possibilmente simile al modello inglese, i.e. 9-15.30
    Abito alla porte di Milano, a Cernusco s/Naviglio. Puoi aiutarmi?
    D

    • Tiffany
      Posted 13/11/2011 at 13:46 | Permalink

      @Donna: Io sono Americana e mio marito e’ italiano e anche nostra figlia è bilingue. Ho iniziato a cercare una scuola materna da poco e sono andata a vedere il Montessori bilingue e l’Istituto Marcelline quadronno per ora. La prima ha 50-50 insegnanti madrelingua italiano e inglese e quindi tutta la giornata si svolge 50% in italiano e 50 in inglese (più o meno) (entrata dalle 8-9 e uscita alle 3:15). La seconda offre un’ora a settimana ma l’insegnante non è madrelingua e su questo non sono d’accordo (entrata dalle 8-9:30 e uscita al le 3:30 credo). Ho parlato con una mamma che manda i figli alla Louis dove anche li la giornata è divisa a 50-50 con insegnanti madrelingua ma le tasse sono alte… Non sto considerando molto le scuole internazionale che insegnano solamente in inglese (ASM, Interntaional school, ecc). Credo che la henderson in zona lambrate è anche bilingue ma è scomodo per noi quindi non l’ho valutato.

      • Posted 15/11/2011 at 12:34 | Permalink

        Carissime Mamme,
        ho davvero bisogno di un consiglio importante.
        Sono arrivata al punto di dover decidere per le elementari di mio figlio.
        Le alternative sono: scuola bilingue, che già frequenta, con retta di 10.000 euro all’anno; oppure una scuola pubblica a contributo privato (1.700 euro). Entrambe le scuole sono molto valide. La prima ha di positivo il programma bilingue, ma di negativo l’ambiente e il costo; la seconda è una ottima scuola tradizionale, ma fanno poco inglese (1 ora in prima, poi 2, poi 3). Certo avendo due figli, i 20.000,00 euro risparmiati dalla privata potrei (almeno in parte) usarli per far fare inglese a casa privatamente o per mandarli in campus estivi. Ma, e,

        • Posted 15/11/2011 at 12:38 | Permalink

          IL MIO DUBBIO è il seguente. Se mando mio figlio in una scuola pubblica, dove esce alle 16.45 tutti i giorni, quando e come fargli studiare inglese? dalle 17 alle 19 due volte alla settimana? e con 5 ore di inglese sarà al livello di coloro che frequentano la scuola bilingue oppure no? e poi mentre alla bilingue si scrive in inglese, se farà inglese a casa con delle ragazze madrelingua non si metterà certo a fare compiti (dopo 8 ore di scuola). AIUTATEMI a prendere la decisione giusta,
          GRAZIE a chi vorrà rispondermi.

        • lucia
          Posted 15/11/2011 at 14:03 | Permalink

          ciao Ros, tuo figlio l’inglese lo parla solo alla scuola dell’infanzia, per ora? o anche a casa?
          dici che la scuola bilingue ha di negativo l’ambiente, non so a cosa tu ti riferisca esattamente, ma detto così a me farebbe venire dei dubbi…
          la cosa più importante è che il bambino stia bene, qualsiasi scuola tu decida di fargli frequentare, mi pare un fattore che possa già ben determinare una scelta.
          certo la scuola bilingue permette di usare l’inglese nelle attività curriculari e giustamente ti preoccupi che la scuola tradizionale, finendo alle 16.45 non lasci molto spazio allo studio dell’inglese.
          ma lo deve proprio “studiare”? e se invece pensassi a un “au pair”? che possa seguire i tuoi figli nel tempo libero, farli giocare, leggere e quant’altro in inglese. i tuoi bambini sarebbero immersi nella lingua senza doverla vivere come una “lezione”. parli dei compiti, giustamente devono imparare a scrivere anche in inglese…anche quì una brava au pair (magari con una buona formazione didattica) potrebbe inventarsi delle attività, far scrivere dei raccontini…

          • Posted 15/11/2011 at 18:42 | Permalink

            Cara Lucia,
            grazie della tua risposta, sei davvero gentile. L’ambiente della scuola non mi piace solo perchè l’idea che mio figlio cresca in un ambiente SOLO agiato mi sembra negativa. Per il resto la scuola è molto bella e ben organizzata (del resto, viste le rette non potrebbe essere diversamente). Per ora lui fa inglese a scuola (3 ore al giorno) e inglese a casa (5 ore alla settimana). Ma adesso è all’asilo, quindi gioca tutto il giorno ed esce dopo pranzo. L’anno prossimo alla pubblica elementare uscirebbe alle 16.45, dopo una giornata di scuola, cioè, secondo me, stanco morto.
            Sull’au pair avrei alcuni problemi. l’idea di avere un’estranea a casa, a cena, etc. mi intimorisce. Inoltre devo dire, che per ora, la mia esperienza con le studentesse straniere con cui gioca mio figlio, non è delle migliori. Nel senso che non si sanno relazionare molto con un bambino di 5 anni. Sarò stata sfortuna, non so’. La mia idea, se la mandassi alla pubblica sarebbe di avere due pomeriggi (per 4 o 5 ore in totale) una studentessa americana o inglese che giochi con il bimbo, poi un’ora e mezzo al British council, e mandarlo una settimana o due all’anno ai campus uk (quelli frequentati dai bambini inglesi, non per stranieri). Ma sarà sufficiente? Le mie amiche che mandano i figli alle private, dove fanno 5 ore di inglese alla settimana, mi hanno detto che i loro figlio sanno poco inglese….. aiutami!
            Grazie

  13. lucia
    Posted 16/11/2011 at 10:02 | Permalink

    Ciao Ros, sei già in contatto con qualche mamma (o papà) dell’una e dell’altra scuola? certo possono darti delle indicazioni. io proverei a sondare con loro e magari con qualche insegnante, perchè tu hai bisogno di sapere come funzionano quelle scuole nello specifico, non le scuole della stessa tipologia in generale.
    Magari se indichi la zona dove si trovano scopri che ti può aiutare anche qualche mamma che legge BpG.
    Per la “au pair” capisco le tue perplessità, non è semplice avere estranei in casa e non tutti hanno i requisiti giusti.
    ma ci sono agenzie (anche online) e anche alcune scuole di lingue che mediano e aiutano nella ricerca della persona più adatta. se cerchi una futura maestra direi che c’è qualche possibilità che si sappia relazionare coi bimbi.
    poi dipende anche da dove abiti…se in una città appetibile ne arrivano a frotte e non c’è che l’imbarazzo della scelta. nella mia zona non ci vengono neanche sotto tortura…
    alcune scuole di lingue poi fanno venir giù delle au pair e trovano loro un alloggio e le fanno lavorare con loro, questa potrebbe essere una buona soluzione che ti permetterebbe di non averla in casa.
    o magari puoi vedere se qualche altra famiglia vorrebbe un’ au pair e la ospita e magari vi dividete le spese e la collaborazione.
    e per la bella stagione…via libera a tutti i cugini anglofoni o figli di amici anglofoni; in questo modo a casa mia, da maggio a ottobre la lingua ufficiale era l’inglese.

    buona ricerca!

  14. Sara
    Posted 29/11/2011 at 19:15 | Permalink

    @donna, anche io abito a Cernusco, ho due bimbe bilingue ma passive. Vorremmo che si trasformasse in attivo, e abbiamo guardato la Play English a Monza. Ovviamente cara come le altre ci è piaciuta come ambiente. Come faccio per contattarti?

    • donna
      Posted 08/12/2011 at 17:50 | Permalink

      per sara. come facciamo a scambiarci l’indirizzo email? anch’io vorrei contattarti! D

      • Bilingue Per Gioco
        Posted 08/12/2011 at 20:35 | Permalink

        aspettate gennaio, quando metterò in atto un sistema per messaggiarvi…
        Ciao,
        L.

    • Dafne
      Posted 05/01/2013 at 15:34 | Permalink

      Per Sara e Ros: vi scrivo un anno dopo per chiedervi a quali conclusioni siete giunte riguardo la scelta della scuola per i vostri figli. Mi trovo di fronte ai vs stessi dubbi.. Mandare mio figlio alla scuola bilingue ( nel caso sarei orientata al Playenglish di Monza) o scegliere una scuola pubblica e dare modo a mio figlio di imparare l’ inglese con attività’ extra scolastiche? Grazie mille

      • R.
        Posted 09/01/2013 at 17:58 | Permalink

        Cara Dafne,
        alla fine ho deciso per la bilingue.
        Mi sono resa conto che per la mia famiglia le vacanze-studio e le au-pair non erano adatte.
        Quindi bilingue. Dopo 1 anno di materna e 4 mesi di elementari il mio boy capisce frasi facili in inglese, chiede cose semplici in inglese e conosce molti vocaboli.
        Se hai qualche domanda, ti risponderò volentieri.

    • Cristina
      Posted 13/02/2013 at 15:17 | Permalink

      Ciao Sara, ho mandato mia figlia all’asilo nido al Play english e ti posso dire che non è oro tutto quello che luccica, i bambini quando escono dalla 3° media hanno difficoltà ad inserirsi in una scuola ialiana in quanto il metodo utilizzato è anglosassone. Pensaci molto bene.

  15. Sara
    Posted 29/11/2011 at 19:23 | Permalink

    Ros anche noi ci siamo posti le stesse domande. Siamo profondamente indecisi

  16. Silvia
    Posted 15/12/2011 at 22:06 | Permalink

    Ciao a tutti, ciao Letizia,
    sono capitata su questo sito per caso…ma forse sono capitata nel posto giusto…
    ho un bambino di 3 anni e 10 mesi. Viviamo in una città della svizzeratedesca. A casa si parla esclusivamente italiano (cosi ci è stato consigliato dal pediatra, quando nostro figlio è nato), mentre al nido si parla esclusivamente svizzero tedesco. Mio figlio va al nido da 3 anni. Allo stato attuale parla fluente italiano, con tanto di verbi al passato ed al futuro, mentre in tedesco conosce i numeri e gli animali e ja e nein, sembra che capisca, ma decisamente non tutto e assolutamente non vuole parlare tedesco (una volta mi ha detto che lui lo parlerà da grande). Ci siamo accorti che in questo nido purtroppo veniva lasciato troppo spesso a giocare da solo, senza altri bambini della sua età o con bambini piu’ piccoli (sotto i 3 anni). Ci hanno descritto nostro figlio come un bambino triste ed insicuro, cosa che ci ha disarmato, visto che a casa si puo’ dire tutto tranne che triste ed insicuro. Abbiamo chiuso con il nido e abbiamo deciso di iniziare privatamente una scuola materna (inizierebbe la pubblica tra 6 mesi a 4 anni e mezzo e sarebbe uno dei piu’ piccoli). Il problema è, che le scuole private che abbiamo trovato, inclusa la Montessori sono tutte bilingue (tedesco ed inglese) ed abbiamo il timore di aggiungere una terza lingua. Voi cosa ne pensate?

    • Bilingue Per Gioco
      Posted 15/12/2011 at 23:07 | Permalink

      A priori non mi preoccuperei di introdurre una terza lingua, ma nel caso specifico non credo si possa dare un parere, non so se il bambino stia effettivamente vivendo la situazione con disagio. Immagino però che considerata l’attenzione che viene data al plurilinguismo dovresti poter trovare persone competenti a cui rivolgerti…
      L.

      • Silvia
        Posted 17/01/2012 at 10:17 | Permalink

        Cara Letizia,
        nel frattempo, il mio bambino ha iniziato la scuola internazionale, tedesco/inglese. Non l’ho mai visto cosi felice. Niente piu’ storie per uscire di casa ed al suo ritorno è davvero sereno. Dopo solo una giornata d’inglese, già è saltato fuori dicendomi dei numeri e delle paroline in inglese. Quanto mai non lo abbiamo spostato prima!
        Un caro saluto e buon lavoro!

  17. Giudjt
    Posted 19/12/2011 at 23:29 | Permalink

    Ciao a tutte noi a Solbiate olona abbiamo risolto il dilemma della scuolamper i ns figli! A settembre 2012 aprirà il british colleghe scuola primaria inglese, progetto realizzato con altre due mamme in circa due anni di impegni ;) venite a trovarci sul ns sito http://www.scuolaprimariainternazionale.it a presto Giudjt

  18. Sara
    Posted 03/01/2012 at 13:55 | Permalink

    Buongiorno
    complimenti inanzitutto per il forum e per l’elenco e i consigli sulle scuole in lingua!
    Ho un bimbo di 2 anni e mezzo che per ora frequenta il nido italiano, ma mio marito essendo bilingue francese gli sta insegnando la lingua.. io vorrei inserirlo in una scuola internazionale, ma a riguardo avrei due dubbi principali e vorrei un vostro parere:

    1) sarebbe troppo per lui o addirittura inutile inserirlo in una scuola inglese/ americana? meglio inserirlo in un ambiente francofono?

    2) potrei fargli frequentare la materna italiana, e l’ istituto in lingua solo alle elementari o rischio che poi si trovi spiazzato? Praticamente, è impossibile fargli imparare l’inglese a quei livelli, dal nulla, in prima elementare? Ci sono programmi che prevedono questo apprendimento nelle scuole internazionali?

    Grazie mille a tutti per i consigli che vorrete darmi..

    e W l’ Internazionalità! :)

    Sara

    • Sara
      Posted 03/01/2012 at 16:07 | Permalink

      INUTILE nell’ inserimento nella scuola anglofona lo intendo nel senso di non riuscire ad apprendere l’inglese , essendo per il momento bilingue ita/ francese :)

  19. Barbara
    Posted 17/01/2012 at 10:37 | Permalink

    Ciao, noi viviamo a Milano in zona est, abbiamo una bimba di 2 anni e una che arriverà tra poco, e siamo nel difficile momento di dover scegliere la scuola dell’infanzia per la prima che poi sarà necessariamente anche quella della seconda figlia.
    Mi sono documentata sulle scuole internazionali (S. louis, Sir James, Andersen) ma non mi hanno convinto molto, sia per l’ambiente ecomonicamente “eletto” sia per le rette scolastiche che per 2 figlie sarebbe importante. Per contro, non sono riusciata a trovare una scuola italiana con programma bilingue (50 e 50) ad eccezione della Montessori che però è fuori zona.
    Mi sapreste dare qualche indicazione di altre scuole con un programma di inglese che sia realmente valido.
    Grazie a tutti

    Barbara

  20. patrizia
    Posted 12/03/2012 at 00:15 | Permalink

    Per favore qualcuno sa darmi aggiornamenti sul progetto BEI nella scuola pubblica?
    Grazie

    • sonia
      Posted 12/03/2012 at 10:14 | Permalink

      ciao,
      A Villasanta dove a Settembre inizierà la mia bimba applicano il progetto a tutte le classi prime. Ed è garantito per i prossimi 5 anni, la preside mi ha detto che dal MIUR hanno prolungato il progetto da 3 a 5 anni in quanto sembra positivo il feedback fino ad ora .
      ciao!

      • Cristina
        Posted 13/02/2013 at 15:21 | Permalink

        Ciao Chiara, come giudichi la scuola nel complesso e l’istruzione inglese del progetto?
        Devo decidere dove iscrivere mia figlia per ora frequenta l’asilo bilingue veicolare al collegio villoresi ma vorrei cambiare visto i costi..
        grazie ciao

      • Simona
        Posted 09/03/2013 at 11:00 | Permalink

        Ciao Chiara,

        come ti sembra la scuola Oggioni di Villasanta dove applicano il BEI? Nel complesso e le insegnanti? Ma che tu sappia prendono facilmente anche bambini che non sono del comune di appartenenza della scuola?

        Grazie,
        Simona

  21. Chiara
    Posted 26/05/2012 at 09:24 | Permalink

    Ciao a tutti,

    mi chiamo Chiara e vorrei far diventare mio figlio bilingue.
    Trovo il vs sito molto utile è bello e penso che sarebbe bello darsi anche l’opportunità di contattarsi personalmente e magari avere delle occasioni di incontro.
    Vorrei sapere quali sono le scuole che in Lombardia hanno aderito al progetto Bei del MIUR.

    Grazie e apresto

    • sonia
      Posted 28/05/2012 at 10:22 | Permalink

      ciao chiara, una quella dove ho iscritto mia figlia è Villasanta (monza). Due so che si trovano a milano.
      ciao e a presto.

  22. Chiara
    Posted 26/05/2012 at 09:26 | Permalink

    …Dimenticavo…sto cercando una brava ragazza au pair, come posso fare?

    • patrizia
      Posted 28/05/2012 at 11:15 | Permalink

      Per avere informazioni sulla Scuola che segue il progetto BEI a Milano:
      http://www.icsdiaz.it/
      Navigando sul sito potrete trovare alcune informazioni sulle attività svolte in Inglese.

  23. giusi
    Posted 01/10/2012 at 16:46 | Permalink

    ciao a tutti/e e complimenti per il blog.
    mio figlio compirà 3 anni a dicembre, ha da poco iniziato la scuola materna comunale, ma a me e a mio marito piacerebbe che iniziasse ad avere un approccio con l’inglese, quindi informandoci per corsi/laboratori al pomeriggio siamo incappati in un asilo inglese che si può frequentare anche per soli 2 giorni la mattina, ora, ci chiediamo se possa essere utile o se per 2 mattine sarebbe un investimento di tempo e soldi sprecati.
    attendo opinioni, grazie!

  24. Margherita
    Posted 07/11/2012 at 19:55 | Permalink

    Care amiche, ho trovato in questo forum le persone che possono condividere con me una “mission”: ex insegnante di scuola primaria, laureata in lingua Inglese, ora che sono in pensione ho aperto un centro bellissimo per insegnare l’Inglese ai bambini attraverso il gioco, attività laboratoriali, drammatizzazione ecc, insomma facendo fare loro quello che più piace. Ho affittato una villa con giardino e l’ho dotata di giochi e sussidi (comprati in UK e negli USA) utili a far fruire la lingua in qualsiasi circostanza. Ora sono al terzo anno di attività ma la risposta dell’utenza è ancora estremamente fiacca. Tutto sembra essere più importante dell’Inglese: sport vari, strumenti vari, catechismo… Mi ero convinta di essere l’unica a ritenere la conoscenza dell’Inglese fondamentale e imprescindibile per le nuove generazioni, ma ora che vi ho letto voglio “consolarmi” pensando che forse ho solo sbagliato quartiere….. Non demordete, lottate soprattutto perché il sistema scuola si adegui alla necessità di introdurre l’inglese dalla scuola materna, come fanno negli altri paesi europei dove i bambini arrivano alle elementari già bilingue!

    • ilaria
      Posted 09/11/2012 at 10:47 | Permalink

      dove sarebbe questo fantastico posto?

  25. Mary
    Posted 13/11/2012 at 23:17 | Permalink

    Ciao ragazze!
    Per una tesi mi ritrovo a dover approfondire il discorso sulle scuole bilingue ed internazionali. Su internet purtroppo il materiale scarseggia, voi sapete indicarmi dove è possibile recuperare le normative che riguardano le scuole bilingue e quelle internazionali? Mi dovrei concentrare sul contesto istituzionale di queste scuole, ma purtroppo non so neanche da dove cominciare!! Ringrazio tutte in anticipo!

    • Elisabetta C.
      Posted 16/11/2012 at 09:04 | Permalink

      Ciao Mary
      non esiste una normativa unitaria!
      Le scuole internazionali seguono i curricula dei paesi di origine o quelli dell’IBO (http://www.ibo.org/).
      Quelle bilingui sono sperimentazioni: alcune sono scuole paritarie che hanno in più un programma copiato dalle scuola inglesi e americane, altre non sono paritarie e gli alunni devono fare degli esami da privatisti a fine ciclo per essere equiparati alla scuola italiana…
      La tua tesi è giuridica o sociologica? Comunque ti può interessare questo articolo
      Clientele, Curriculum and Economics: Factors in the Survival of Rome International Schools
      http://ambrit-rome.com/staff/staffwork/paige/paige.html

      E poi vedi il sito
      http://www.romeschools.org/
      e questo dello
      European Council of International Schools (ECIS)
      http://www.ecis.org

      se hai domande specifiche falle pure
      Ciao Elisabetta C.

  26. Patrizia Sax
    Posted 28/11/2012 at 12:41 | Permalink

    Ciao,
    Sono mamma di due bimbi e come voi alla ricerca di una scuola-a Roma.
    Siamo in lista al marymount via nomentana e nel frattempo continuo a guardarmi intorno.
    Qualcuna sa darmi notizie della scuola internazionale montessori di Roma? É bilingue?.

  27. Elektra
    Posted 13/12/2012 at 14:08 | Permalink

    Qualcuno se le scuole americane (nel mio caso Genova) possono fruire degli sgravi fiscali? Grazie

  28. Beatrice
    Posted 14/02/2013 at 12:13 | Permalink

    Buongiorno Letizia,
    complimenti per l’interessantissimo sito.
    Siamo una coppia di italiani e stiamo valutando se mandare il nostro bimbo all’asilo nido in inglese nel periodo (12-36 mesi) dove le maestre usano OPOL.
    Ho visto però che il link su “come scegliere il nido” attualmente non funziona.
    Sarebbe possibile ripristinarlo?Sono molto interessata a reperire indicazioni circa l’utilità di proporre l’OPOL in questa fascia di età.
    Ti ringrazio e ancora complimenti perchè il sito è veramente stimolante!
    Beatrice

    Grazie mille

    • Bilingue Per Gioco
      Posted 14/02/2013 at 12:54 | Permalink

      Fatto, grazie per la segnalazione!
      Letizia

  29. roby
    Posted 16/12/2013 at 10:46 | Permalink

    ciao a tutte vorrei iscrivere mia figlia di 10 anni alla scuola internazionale di Monza. il mio dubbio è la sua preparazione della lingua inglese che è solo al livello scolastico appreso nella sua scuola elementare.
    L’altro aspetto è la logistica , siamo distanti circa 40 Km dalla scuola. Non vorrei che lo spostamento quotidiano possa essere troppo in corrispondenza anche delle attività che a casa dovranno svolgere.
    Sarei molto lieta di leggere qualche vostro consiglio o meglio ancora la vostra esperienza.
    grazie
    rosy

  30. karen
    Posted 22/01/2014 at 14:54 | Permalink

    Salve,

    Sono messicana e ho una bimba (Maya) di 3 anni e mezzo, lei ha iniziato la scuola pubblica lo scorso Settembre, per cui ha iniziato da poco tempo a socializzare con gli altri bimbi. Il problema è nato lo scorso Dicembre quando la maestra mi ha chiamato per dirmi che Maya mischiando molto lo Spagnolo – Italiano, gli altri bimbi non la capiscono e quindi Lei si allontana spesso perché non si fa capire, pertanto mi chiedeva di parlare solo Italiano.
    Io ovviamente gli ho fatto presente che la bimba da poco era entrata a scuola e quindi ha bisogno di più tempo per distinguere entrambe lingue.
    Adesso non so se è il caso di fare una visita Foniatrica poiché sto cominciando a preoccuparmi pure io che Maya non struttura bene le frasi sia in Spagnolo sia in Italiano.
    Purtroppo a Caserta, non ci sono scuole bilingue con lo Spagnolo.

    Cosa devo fare…. AIUTO!!!!!!!!!!!

    • Posted 22/01/2014 at 21:08 | Permalink

      Karen,
      ti scrivo da mamma e non da esperta ma mi sento sicura nel dirti una cosa: NON smettere di parlare a tua figlia in spagnolo!
      Intanto è la tua lingua, in secondo luogo una lingua in più è un bene prezioso, anche a scapito di un inizio di socializzazione più difficile, in terzo luogo cosa vuoi che ne sappia una maestra di Caserta di bilinguismo? Probabilmente nulla.
      In quarto luogo tua figlia è molto piccola! A 3 anni e mezzo sono tanti i bambini (più maschi che femmine) che parlano ancora malino, anche monolingui.
      Se ti serve a stare tranquilla puoi portarla da una specialista, ma più in là (dalle almeno un anno di scuola di prova). E poi lo o la specialista deve essere a sua volta bilingue, altrimenti cosa potrà verificare mai?
      Piuttosto cerca di capire se tua figlia a scuola è serena e e inizia ad invitare a casa, una per volta, le sue amichette di scuola. La lingua ad un certo punto verrà.
      Elisabetta C.
      http://www.educazioneglobale.com

      • antonietta
        Posted 06/02/2014 at 09:37 | Permalink

        Ciao Karen,
        sono la madre di una bimba bilingue che all’ età della tua pronunciava male dei suoni ed è finita dalla logopedista.
        Vorrei solo consigliarti di non mollare con la tua lingua e di stare attenta che l0/la specialista sia in grado veramente di considerare il caso, io ho avuto la fortuna di essere sostenuta dalla logopedista di mia figlia che essendo bilingue ha monitorato la situazione della bimba senza mai spingermi ad abbandonare il bilinguismo.
        Monitorava la situazione perchè ritiene che nei casi, non è detto che sia il tuo, in cui ci sono problemi logopedici, il bilinguismo è una difficoltà in più e va verfificato caso per caso il da farsi, l’ultimissima spiaggia è l’abbandono almento temporaneo di una delle due lingue.
        Si tratta di casi rarissimi, pertanto non mollare in generale e soprattutto non prima di aver sentito il parere di diversi esperti e di aver valutato tu in primis il da farsi, noi conosciamo meglio di tutti i nostri figli e io ho sempre avuto la sensazione che il problemi di mia figlia non dipendessero dal bilinbuismo (infatti quando la piccola imparava ad emettere i suoni in italiano li metteva a posto anche in inglese, sua seconda, e in automatico).
        In bocca al lupo!!

  31. karen
    Posted 06/02/2014 at 12:17 | Permalink

    Ciao Antonietta,

    Non hai idea di quanto mi tranquillizza il tuo messaggio e soprattutto la tua esperienza mi da’ la forza e la carica per andare avanti.
    Sono andata dalla pediatra settimana scorsa per chiedere l’impegnativa per la visita foniatrica e Lei mi disse che e’ancora presto poiche’ Maya ha iniziato la scuola lo scorso Settembre, per tanto mi suggeriva di fare la visita verso i 4 anni che sara’ a Luglio, io Le ho spiegato le mie perplessita’ e per cio ho fatto l’appuntamento per Marzo, a fronte di quella visita si valutera se fare la visita logopedista, perche’ non so come si procede dopo la visita foniatrica.
    Spero che vada tutto bene e che possa continuare ad insegnare la mia lingua.
    Grazie ancora!

    • antonietta
      Posted 06/02/2014 at 14:58 | Permalink

      Sono contenta di esserti stata d’aiuto, fai bene ad aspettare un po’, molte cose si risolvono con la crescita, ma se a luglio non sei convinta, non rimandare troppo, per la mia esperienza se avessimo aspettato la bimba non si sarebbe messa a posto per la prima elementare, lì si che può essere più problematico.
      Non voglio demonizzare i logopedisti, io per prima ho conosciuto alcune figure veramente speciali, però spesso non sono preparati sul bilinguismo, alcuni addiruttura lo colpevolizzano.
      Il bilinguismo non produce problemi logopedici, se ci sono si manifestano anche nei monolingue.
      Ci tengo a tranquillizzarti perchè so cosa si passa quando ci sono queste incertezze e quando si pensa che la seconda lingua sia il problema.
      Continua a parlare con tua figlia la tua lingua e lascia che impari l’altra a scuola.
      L’unica cosa che desidero raccomandarti è di non fidarti del parere di un solo foniatra e successivamente di un solo logopedista, nel mio caso spesso hanno spaventato molto noi genitori con diagnosi affrettate rigurdanti problemi di attenzione e dislessia. Tutto invondato!!!Ma intanto quante ansie….
      Inoltre, solo nel caso in cui ci fosse bisogno, fai fare la logopedia nella lingua in cui tua figlia sarà più forte in quel momento (io penso che sarà l’italiano dopo qualche mese di scuola) e questo ti avvantaggia perchè vallo a trovare un logopedista spagnolo, se vivete in italia!!!!
      Tieni anche conto del fatto che senza visita non puoi avere le sedute di logopedia con il servizio sanitario e anche privatamente, spesso, ci sono dei tempi d’attesa piuttosto lunghi, pertanto conviene prenotare, se poi la bimba sta bene, ringrazi quando ti chiamano e vai a festeggiare!!!

  32. karen
    Posted 06/02/2014 at 12:26 | Permalink

    Cara Elisabetta,

    Adesso sto leggendo il tuo commento e infatti era cio che aveva detto la pediatra, di aspettare ancora questo anno scolastico e che faccia almeno 4 anni per poter portarla da una specialista, hai tutta la ragione, Lunedì che andro a prenotare la visita avro’ la possibilita’ di incontrarme conla specialista, ne parlo del caso di Maya ma senza dubbio aspettero verso Lugli (a 4 anni della bimba) per portarla a fare la visita foniatrica. Maya in effetti a scuola e’ felicissima e sa’ socializzare benissimo, lei gioca tantissimo, quindi il problema della lingua lo notiamo noi adulti.

  33. STEFANIA
    Posted 31/03/2014 at 14:19 | Permalink

    Ciao Letizia, sono mamma di due bambine , in età scolastica, mi puoi aggiornare sulla situazione delle scuole bilingue esistenti(elementari / medie) a Torino o che seguono il progetto BEI?
    Chi ha informazioni…in merito mi puo’ consigliare?
    Grazie

3 Trackbacks

  1. [...] bilinguepergioco.com [...]

  2. [...] anche un sito italiano, bilingue per gioco, dove si incontrano per parlare o creare strutture scolastiche. Ci sono tanti insegnanti che [...]

  3. [...] sul fantastico sito bilingue per gioco che c’e’ una sperimentazion in lombardia per insegnare specifiche materie direttamente [...]

Post a Comment

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

*
*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Subscribe without commenting