Ecco gli indirizzi delle Scuole Internazionali di Roma, in Inglese, Francese, Tedesco e Spagnolo.

Per i pareri delle mamme sulle scuole bilingui e internazioni di Roma vedere qui.

Per consigli su come scegliere la scuola,  valutare se mandare o meno i bambini ad una scuola internazionale o bilingue, confrontare i programmi e chiedere le domande giuste, potete vedere qui, per gli asili, e qui, per le scuole elementari.

INGLESE
AMBRIT-ROME INTERNATIONAL SCHOOL
Via Filippo Tajani 50
00149 Roma
tel. 06559-5305 – fax 06559-5309
Early Childhood – Primary – Middle School
http://www.ambrit-rome.com

AMERICAN OVERSEAS SCHOOL OF ROME
Via Cassia 811
00189 Roma
tel. 06334-381 – fax 063326-2608
Pre-Kindergarten – Elementary – Middle – High School – Boarding
http://www.aosr.org/

BRITANNIA INTERNATIONAL SCHOOL OF ROME
Via Ernesto Parisi
00134 Roma (Lazio)
06 45478047
www.britanniainternationalschool.it

CASTELLI KINDERGARTEN
Via dei Laghi km. 8,600
Logetta di Marino, A9
00047 Marino (Roma)
tel. 069366-1311
For ages 3 to 6 years
http://www.romeschools.org/castelli%20kindergarten.htm

CASTELLI INTERNATIONAL SCHOOL
Via degli Scozzesi 13
00046 Grottaferrata (Roma)
tel.& fax 069431-5779
Grades 1 to 8
http://www.castelli-international.it

CORE INTERNATIONAL SCHOOL
Via Crati 19
00199 Roma
tel. 06841-1137
Nursery – Primary School
http://www.coreinternationalschool.it

GREENWOOD GARDEN SCHOOL
Via Vito Sinisi 5
00189 Roma
tel. 063326-6703 – fax 063326-6703
Early Childhood – Development Center
E-mail: greenwoodgarden@libero.it

KENDALE PRIMARY INTERNATIONAL SCHOOL
Via Gradoli 86
Tomba di Nerone – Via Cassia Km 10.300
00189 Roma
tel. & fax 06332-67608
For ages 3 to 11 years

MARYMOUNT INTERNATIONAL SCHOOL
Via di Villa Lauchli 180 (Via Cassia Antica Km. 7)
00191 Roma
tel. 06362-9101 – fax 063630-1738
Early Childhood to Grade 12
http://www.marymountrome.org/

ROME INTERNATIONAL SCHOOL
Viale Romania, 32
00197 Roma
tel. 068448-2650 – 068448-2651
fax 068448-2653
Kindergarten – Elementary School
http://www.romeinternationalschool.it/

ST. FRANCIS INTERNATIONAL SCHOOL
Via delle Benedettine, 50b
00135 Roma
tel. – fax 06355-11023
Early Childhood – Primary – Middle School
http://www.stfrancis-school.it/

ST. STEHPEN’S SCHOOL:
Via Aventina, 3
00153 ROME ITALY

http://www.ststephens-rome.com/

http://www.southlands.it/

SOUTHLANDS ENGLISH SCHOOL IN ROME
Via Teleclide 40 – 00124 ROMA (CASALPALOCCO) – ITALY

SOUTHLANDS ENGLISH SCHOOL IN ROME
Via Teleclide 40 (Via Epaminonda)
Casal Palocco
00124 Roma
tel. 06505-3932 also 06509-38771 – fax 065091-7192
Nursery – Kindergarten – Primary School
www.southlands.it

ST. GEORGE’S BRITISH INTERNATIONAL SCHOOL
Via Cassia Km. 16
00123 Roma
tel. 06308-6001 – fax 063089-2490
For age 3 to 18 years
http://www.stgeorge.school.it/

ST. STEPHEN’S SCHOOL
Via Aventina 3
00153 Roma
tel. 06575-0605 – fax 06574-1941
Grades 9 to 12 – Boarding

http://www.ststephens.it/

THE NEW SCHOOL
Via della Camilluccia 669
00135 Roma
tel. 06329-4269 – fax 06329-7546
Nursery – Kindergarten – Primary – Secondary School
http://www.newschoolrome.com/

TEDESCO

SCUOLA GERMANICA ROMA
Via Aurelia Antica 397-403
I-00165 Roma
http://www.dsrom.de/

SCUOLA SVIZZERA DI ROMA
Via Marcello Malpighi 14
00161 Roma
Tel +39 06 440 21 09
http://www.scuolasvizzeradiroma.it

FRANCESE

LA MAISONNETTE
varie sedi a Roma, trilingue IT, FR, EN
http://www.lamaisonnette.net/

LYCEE CHATEAUBRIAND ROMA
2 sedi a Roma
http://www.apechateau.eu/

SPAGNOLO

LICEO CERVANTES
Via di Porta San Pancrazio, 9
00153 Roma
Tel. 06 5882252
http://www.educacion.es/exterior/centros/cervantes/es/home/index.shtml

Se ne avete altre da segnalare fatecelo sapere. Se mandate i figli ad una di queste scuole diteci cosa ne pensate, pro e contro, altre mamme e papa’ ve ne saranno grati.

164 Comments

  1. Alessandra Tancredi
    Posted 07/10/2010 at 11:52 | Permalink

    We are an Italian family who have been living abroad for the last 9 years. Our children (9 and 7 years old) always studied in English schools. We would like to go back to live in our country, Italy. At the moment we live in Bangkok and our kids are attending Singapore International Scuool of Bangkok. They started to study Chinese last year. We would like to find an International school in Rome where they can have the possibility to continue studying Chinese language.
    Can you hel us?
    Thank you,
    Alessandra Tancredi

    • Valentina
      Posted 25/10/2010 at 12:13 | Permalink

      My Kids go to the Rome International school and St Georger’s British School and I know that there is a Chinese language course for students but I don’t know from which age. May be you could contact them.

      • Anna
        Posted 12/06/2011 at 21:42 | Permalink

        Very interesting. We were just looking at international schools in Rome and both (RIS and St George’s) seem to be vey good options. Apparently you know both directly so could you give us your opinion? What is the difference in curriculum? Which one do you like the most? Our kids are age 5 to 9 years old. Thanks in advance.

    • Francesco
      Posted 10/12/2010 at 16:14 | Permalink

      Cari Colleghi Genitori, vi scrivo in italiano, dato che siamo compatrioti, ma parlo anche io inglese, e sto spendendo quella che per me è una fortuna per mandare i miei figlioli a scuola bilingue, in modo che non debbano restare prigionieri di questo Paese, che era il bel Paese, ma ormai si ritrova triste, rancoroso e impoverito. Siete fortunati ad essere là dove siete, voi, e soprattutto i vostri figlioli. Ma li leggete i giornali italiani? Provateci, è tutto vero. E non mi riferisco alle condotte di certi politici, ma a tristi realtà come i cococo e i cocopro. Un suggerimento: in Italia, veniteci in vacanza (e per i prezzi, è meglio la Grecia, credetemi).

      • Elisabetta C.
        Posted 16/01/2011 at 08:37 | Permalink

        Ciao Francesco,
        ho letto solo ora il tuo commento. In quale città sei? Quale scuola bilingue?
        ciao
        Elisabetta

        • Gianluca
          Posted 26/01/2011 at 20:57 | Permalink

          Salve a tutti. Quale è la migliore tra le scuole sopra elencate? Mi raccontate le vostre esperienze in merito?

          Grazie

          • Elisabetta C.
            Posted 31/01/2011 at 08:15 | Permalink

            Leggi tutti i ‘post’ che riguardano la scuola su questo sito. Siamo solo dei genitori, come facciamo a dirti in assoluto quale è la migliore?
            Se vuoi la mia opinione, basata sulle persone che conosco e che hanno figli in varie scuole, le due scuole internazionali migliori di Roma sono l’AMBRIT (che adotta un sistema ‘misto’) e il ST George (che segue il sistema british più l’IB). L’unica vera scuola bilingue (parificata alla scuola italiana ma con una buona fetta del programma inglese/americano) è l’Istituto Marymount sulla nomentana. Ma è solo una opinione. Now do your own search!
            ciao
            Elisabetta

        • Francesco
          Posted 29/08/2012 at 10:07 | Permalink

          Ciao, scusa il ritardissimo. Abitiamo a Venezia Mestre, e i nostri figlioli vanno alla International School of Venice, cominciano la Second Primary. Lì c’è fino alla Third Middle, ovvero terza media; poi a Padova c’è il liceo, che è certificato IB (a proposito, in Italia ce ne sono 16; in UK 223, in Argentina 48 e in Equador 54… come sempre siamo primi in coda, ma tanto noi facciamo greco e latino.

          • alessandra
            Posted 03/09/2012 at 19:32 | Permalink

            per francesco
            ciao francesco, probabilmente iscrivero’ mia figlia alla scuola internazionale di Mestre. Mi puoi dire come ti sei trovato? Inoltre devo anche decidere se trasferirmi a mestre o nei comuni limitrofi. Hai qualche consiglio da darmi? Com’e’ vivere a mestre?
            grazie
            alessandra

          • daniela
            Posted 24/02/2013 at 17:26 | Permalink

            ciao son daniela di mestre.vorrei sapere le tariffe di questa scuola .grazie e saluti

      • adriana
        Posted 28/04/2011 at 23:35 | Permalink

        ciao Francesco, ti do ragione, per gli stessi motivi abbiamo deciso anche noi di iscrivere i ns figlio ad una scuola internazionale o bilingue, tu cosa ci consigli? grazie

  2. GIUSEPPE
    Posted 27/01/2011 at 13:18 | Permalink

    siamo genitori di un bambino di 5 anni nato in UK, quindi bilingue. Vorremmo iscrivere nostro figlio in una scuola internazionale che abbia la priorita’ sulla lingua inglese. Meglio ancora se con possibilita’ di apprendimento per danza e arte spettacolo.
    Nell’attesa di una Vostra distinti saluti
    JOE

    • Giulia
      Posted 19/03/2011 at 12:29 | Permalink

      la nostra bambina di quasi 5 anni sta frequentando dallo scorso anno il Core International School, a mio avviso è un’ottima scuola ed ha le caratteristiche che cercavi, per esempi a Natale organizzano una recita con canti e rappresentazione teatrale, a fine anno un concerto e per concludere una gara campestre che coivolge anche noi genitori. Inoltre hai la possibilità di far frequentare extra school la lezione di music, irish dancing…
      buona scelta,
      Giulia

      • Rita
        Posted 29/02/2012 at 11:12 | Permalink

        Ciao Giulia, mia figlia andra’ alla Core dal prossimo settembre.
        Mi puoi dire se i bambini usano le uniformi?
        Grazie
        Rita

  3. Serena
    Posted 02/03/2011 at 13:17 | Permalink

    Salve a tutti, ho bambino di appena due mesi ma da sempre ho il sogno di mandare i miei figli a un asilo internazionale. Potete dirmi per favore su che prezzi si aggirano?
    grazie a chi vorrà rispondermi
    Serena

  4. R.
    Posted 09/03/2011 at 18:29 | Permalink

    Io credo che la migliore scuola qua è la St George, perchè dico questo?
    Non accettano allunni a cavolo, ma guardano in che stato sta, e non servono soldi per convincerli.
    Studiamo molto bene lo stato dei ragazzi che si iscrivono, cioè se un ragazzo non sa l’inglese può comunque andarci perchè ci sono insegnanti bravissimi venuti dall’america e diplomati alle migliori università del USA. Ci sono corsi per tutti i livelli, tipo in matematica, c’è un top group e un medium group, dove fanno tutte e due le stesse cose ma con termini diversi, dove si spiegano meglio.
    La scuola è piena di dipinti o statue fatti solamente da alunni, quindi se i vostri ragazzi amano l’arte è il posto giusto. C’è anche design technology, dove fanno ti aprono l’immaginazione, proprio se i vostri figli vogliono fare stilisti o architetti, tutto si unisce con la matematica. Ci sono clubs dopo scuola e anche all’ora di pranzo, ci sono due campanelle che suonano all’ora di pranzo, puoi fare tutti i clubs che vuoi e puoi anche suggerirne e loro provvederanno subito.
    Le lezioni durano 35-45 minuti. C’è una lezione con i tutori e con le proprie classi, e loro ti aiutano a andare avanti con la scuola e ci fanno fare progetti divertenti. Anche se siamo tanti in una classe, siamo divisi in 4 sezioni come in Harry Potter per la lezione con i tutori, cosa che mi piace molto, e divisi in altri 3 gruppi per le lezioni normali.
    Di solito nelle ore di tutorial, i head of year fanno delle assemble con argomenti come il bullismo, date importanti ecc. e ci fanno imparare e rendere conto di molte cose.
    Ci sono settimane di charity, dove gli allunni suggeriscono cosa potrebbero vendere alla scuola, come torte, biscotti, e questo dura una settimana, alla fine tutto il ricavato vanno ai bambini in africa.
    Ogni fine o metà quadrimestre c’è sempre una settimana di riposo.
    C’è un orario dei compiti, cioè i maestri possono solo dare compiti in certi giorni.
    La scuola ha un’uniforme, così che i ragazzi la mattina non devono stare mezz’ora davanti all’armadio a scegliere cosa mettere, e anche perchè tutti sono vestiti nello stesso modo, quando si arriva ai 6th grade non c’è piu bisogno di un uniforme.
    Grazie per aver letto tutto, credo che ho finito.
    Non sono un genitore ma un allunna di questa scuola, e credo che vi sono stata utile. Credo che una studente della scuola sia la persona che potete dare più fiducia e crederle. Sono da 2 anni nel st george e sono entrata in year 7, cioè in prima media. I miei genitori sono cinesi, ma però sono nata in italia

    • lamberto
      Posted 03/08/2011 at 13:12 | Permalink

      ciao ! grazie per tutte le informazioni utilissime che ci hai dato; volevo chiederti qualche breve informazione, abbiamo un bimbo di 3 anni, che adesso comincerà a frequentare la scuola materna ma tra meno di 2 anni, vorremmo mandarlo alla saint george school.
      sapresti dirci gli orari ed approssimativamente i costi all’anno? ti rigrazio tantissimo in anticipo per la risposta.

  5. Adriana
    Posted 29/04/2011 at 14:52 | Permalink

    ci sarebbe anche ostia international school, a presto avrò dell info al riguardo. inoltre c’è qualcuna tra di voi che ha provato britannia international school?grazie, A

    • Michela
      Posted 12/08/2011 at 15:31 | Permalink

      Ciao Adriana hai più avuto notizie sull’istituto di ostia? grazie

      • Paola
        Posted 07/10/2011 at 15:26 | Permalink

        Ostia International School sembra essere un’ottima scelta. La mia bimba è solo alla nursery, inizitata da 1 mese, ma già è in grado di utilizzare frasi in inglese e l’ambiente è molto accogliente. Lei e tutti gli altri bimbi vanno a scuola contentissimi.

  6. Rita
    Posted 09/05/2011 at 06:41 | Permalink

    Ciao a tutti,
    il prossimo anno rientreremo a Roma dopo 10 anni di estero. Ho una bambina di 7 anni che dovra’ andare in una scuola internazionale e per questioni di vicinanza da casa vorrei scegliere la CORE INTERNATIONAL SCHOOL a via Crati. Qualcuno mi sa dire com’e'? Grazie.

  7. laura
    Posted 13/08/2011 at 12:16 | Permalink

    anche io vorrei conoscere l’esperienza di qualcuno che la frequenta.
    sono adata a vederela, attratta soprattutto dal fatto che i costi sono molto più bassi rispetto ad altre scuole inglesi. La scuola mi è piaciuta ma vorrei avere informazioni dirette. Grazie Laura

    • sabina
      Posted 20/08/2011 at 22:33 | Permalink

      Ciao Laura! Potresti dirmi che impressione ti ha fatto la St Francis? Obiettivamente i suoi costi sono molto inferiori rispetto a quelli di altre scuole internazionali. Non fanno un open day? Sei riuscita ad avere informazioni più dirette?
      Grazie!

      • laura
        Posted 11/01/2012 at 11:32 | Permalink

        ciao sabina scusa il ritardo nella risposta
        purtroppo non ho avuto altre informazioni a parte quella della direttrice didattica. Se so qualcosa di più ti farò sapere

        • silvia
          Posted 04/04/2012 at 10:39 | Permalink

          Mio figlio va a scuola alla Saint Francis. Come si dice: chi più spende meno spende. Da quello che ho visto in questi 4 anni di frequenza ed anche parlando con altre mamme con bambini nelle classi superiori, il sistema educativo e basato più che altro facendo leva sulla competizione fra bambini ed anche sull’apporto allo studio che danno le famiglie a casa. Poco curati gli aspetti di collaborazione tra bambini. Per noi è vicina a casa, l’inglese il bambino lo ha imparato abbastanza, è compatibile con le nostre risorse economiche quindi, che vi devo dire va bene così.

          • barbara
            Posted 04/04/2012 at 15:57 | Permalink

            Ciao Silvia puoi dirci qualcosa di più !!??
            tuo figlio da quale classe ha iniziato a frequentare la scuola, dalla materna o dalle elementari ??
            cosa si delega alle famiglie ?
            davvero dopo 4 anni tuo figlio ha imparato l’inglese solo “abbastanza” ? cosa intendi per abbastanza ? voi a casa parlate italiano ?
            Grazie della tua collaborazione

          • antonella
            Posted 27/08/2012 at 18:38 | Permalink

            ciao sono la mamma di 3 ragazzi di 14,10,12 anni e viviamo a narni,ci siamo trasferiti qui da 3 e
            mio figlio di 12 anni non si e’ ancora ambientato .
            noi siamo italiani ma mi piacerebbe molto mandarlo in una scuola come la s. francis anche se dovro’ vedere per l’alloggio almeno dal lunedi al venerdi
            che mi consigli?
            so che e’ anche tardi ma ci stavo pensando da un po pero’ non volevo farlo trasferire da solo.
            mi daresti un consiglio? grazie

          • Simona
            Posted 27/11/2012 at 13:04 | Permalink

            Cara Silvia
            ho letto la tua email e mi piacerebbe farti qualche altra domanda, visto che devo decidere se iscrivere mio figlio alla St. Francis (scuola materna) il prossimo settembre.
            Sei sempre dell’idea che iscriverlo a questa scuola sia stata – tutto sommato – la scelta migliore?
            Oltre all’inglese, sei soddisfatta degli apprendimenti di tuo figlio e sulla sua crescita dal punto di vista cognitivo?
            Anche io vivo in zona e mi farebbe molto piacere avere un ulteriore tuo riscontro su questa esperienza.
            Grazie
            Simona

            Simona

  8. Donatella
    Posted 02/09/2011 at 16:57 | Permalink

    Salve a tutti,
    anch’io, come molti di voi, credo fermamente nell’importanza di dare la possibilita’ ai nostri figli di guardare “oltre” la realta’ italiana, fornendo loro gli strumenti piu’ idonei per muoversi agevolmente nel mondo.
    Sono la mamma di una bimba di 3 anni e sto cercando informazioni/commenti/opinioni sulla scuola internazionale Southlands English School di Roma, zona Casalpalocco. Dal sito ho preso molte informazioni (spaventandomi non poco vedendo il costo!) ma preferirei conoscere i pareri di persone che hanno esperienza diretta. Qualcuno mi puo’ aiutare? E della scuola internazionale di Ostia avete notizie? Grazie mille! Donatella

    • Anna
      Posted 07/09/2011 at 00:29 | Permalink

      Ciao, sono la mamma di 3 bambini di 11,9 e 6 anni
      tutti alla Southlands da quando ne hanno 2.
      E’ un’ottima scuola con personale qualificato.
      Io la amo descrivere come ‘una oasi felice’!!!!
      E’ un po’ cara, e’ vero, ma quando sento parlare
      i miei figli in inglese come se fosse la loro lingua naturale
      sono ben felice della scelta fatta!
      La scuola comunque fa un open day ogni anno.
      Informati e vai a vederla se puoi.
      Ciao

      • Donatella
        Posted 07/09/2011 at 10:45 | Permalink

        Ciao Anna,

        grazie mille per la tua risposta, ero un po’ in ansia perche’ non ricevevo alcuna risposta. Andro’ a vederla credo la prossima settimana, previo appuntamento. Se hai altre informazioni, consigli etc, ti prego scrivimi. Ciao

      • antonella
        Posted 06/09/2012 at 16:40 | Permalink

        ciao Anna
        sono antonella, come puoi vedere anche io ho 3 figli e vorrei prendere la decisione giusta
        mi piacerebbe molto scegliere una scuola come quella dei tuoi figli pero’ dovrei organizzarmi per un eventuale alloggio.
        Sai come funziona per i trasferimenti da altre scuole?
        potresti indirizzarmi a qualcuno che possa consigliarmi in merito?
        grazie ciao

      • Emanuele
        Posted 25/09/2012 at 13:19 | Permalink

        Ciao Anna,

        il tuo commento è dell’anno scorso quindi non se se potrai rispondermi però ci provo: sto valutando se iscrivere mia figlia di 3 anni alla Southlands di Casalpalocco, per poi farle seguire tutto il percorso fino alle scuole medie. Mi sembra di aver capito dal tuo post che sull’apprendimento dell’inglese non ci siano dubbi, le mie domande quindi sono:
        - non avendo genitori madrelingua mia figlia parla solo italiano. l’impatto nell’inserirsi a 3 anni in un asilo internazionale è molto “traumatico”?
        - come giudichi la qualità della didattica, lingua a parte? Ti sembra che la scuola stia al passo con i programmi della scuola pubblica italiana (dove, se tutto va bene, mia figlia andrà per il liceo)?
        - l’italiano è molto trascurato, soprattutto quello scritto?

        Ti ringrazio molto se vorrai/potrai darmi qualche consiglio, l’investimento è davvero esorbitante e i dubbi sono tanti.

        Grazie!

        Emanuele

      • alessia
        Posted 02/05/2013 at 12:19 | Permalink

        ciao ma voi genitori parlate inglese?perche’ anche io vorrei mandarlo li lui inizierebbe la materna ha 3 anni ma la mia paura e che non si puo interfacciare poi in inglese con noi…

    • Claudia
      Posted 07/12/2011 at 16:55 | Permalink

      Sono un pò in ritardo con l’anno accademico per la risposta, tuttavia, se a qualcuno potrà ancora interessare, mio figlio è stato alla Southlands per quasi 9 anni (dalla prima elementare alla terza media ovvero years 2-9) e oggi sono entusiasta della scelta fatta.

      Il livello di preparazione è molto alto sia in inglese che in italiano benché la scuola sia britannica e non bilingue (quando i ragazzi hanno dato come privatisti gli esami di terza media presso la scuola pubblica italiana la media è stata tra il 9 e il 10!). Educazione, disciplina (divisa obbligatoria), rigore e autorevolezza sono alla base del percorso formativo ed educativo ma nulla di ciò è avviene a scapito della creatività, della cultura internazionale, delle arti (musica, danza, pittura, teatro etc) e dei valori sociali.

      La scuola, non bellissima dal punto di vista architettonico, ma comunque immersa nel verde, è adatta anche ai piccolissimi con genitori apprensivi: ottimi feedbacks con le famiglie (mails, telefono, reperibilità continua), eccellente la sicurezza, il controllo (la nurse presente a scuola è attentissima alla salute dei bambini) , il bus door to door per tutta Roma e non solo è un servizio d’eccellenza dotato di cinture di sicurezza obbligatorie, cellulari dell’accompagnatore e dell’autista per ogni minimo ritardo.

      Anche la mensa scolastica è varia, sana e propone menù biologici. Unico neo, evidentemente è il costo della retta, decisamente sostenuto.

      Il percorso formativo – e non parlo solo a titolo personale, ma è ciò che noi genitori oggi verifichiamo – ha reso i nostri ragazzi responsabili, maturi, educati, organizzati nei loro impegni e coloro che successivamente hanno intrapreso studi superiori italiani (liceo classico e scientifico) non hanno riscontrato problemi rispetto ai compagni provenienti dalle scuole medie italiane.

  9. Marco
    Posted 03/09/2011 at 10:07 | Permalink

    salve a tutti
    Vorrei iscrivere i miei figli a una scuola internazionale, per problemi di logistica sono orientato tra la Castelli International School e il Marymount .
    Qualche suggerimento o esperienza diretta

    Grazie

    • sara
      Posted 03/12/2011 at 15:20 | Permalink

      Ciao Marco, hai poi deciso se mandare i tuoi figli alla Castelli International School?
      Anche io vorrei mandare mio figlio presso quella scuola e mi piacerebbe avere qualche consiglio o commento in proposito. Tu hai raccolto qualche informazione, o racconti di esperienze dirette?
      grazie, ciao. sara

  10. rosaria
    Posted 07/09/2011 at 10:53 | Permalink

    Salve a tutti, io ho già ottenuto l’ammissione per il 2012 alla Ambrit, ma vivendo a via Po stavo meditando di provare alla St George di via Nomentana. Qualcuno potrebbe darmi un commento?

    • Massimiliano
      Posted 19/01/2012 at 18:24 | Permalink

      Ciao Rosaria, vorrei chiederti una cortesia. Come si accede al colloquio per la scuola Ambrit?
      Voi parlate in inglese? Io vorrei iscrivere mia figlia in una scuola internazionale, ma quello che mi spaventa è che nè io nè mia moglie sappiamo bene l’inglese.

      Qualcuno conosce il Britannia International school?

      • Rosaria
        Posted 20/01/2012 at 10:41 | Permalink

        Sì, tutte le scuole inglesi organizzano una sorta di incontro preliminare con il preside (head) in cui ti chiedono di parlare inglese magari giustificandosi col fatto che così loro si sentono più a loro agio, ma nella sostanza è una sorta di verifica di quanto sai l’inglese. Per i bimbi non è un problema perchè di solito non chiedono una conoscenza dell’inglese essendo molto piccoli e veloci nell’apprendere. Questo è quello che ho verificato con Ambrit, Marymount, St. George, Rome International School. Alcune scuole (come ad esempio la Core) chiedono, invece, che il bambino parli inglese. Ciao

        • Massimiliano
          Posted 21/01/2012 at 01:17 | Permalink

          Grazie mille Rosaria. Quindi, in pratica, non potendo sostenere una conversazione in inglese è inutile provare a fare la domanda.
          A noi comunque facevano più comodo scuole di Roma sud, abitando zona Eur.
          Dovremmo vedere al Southlands oppure al Britannia, di cui però non conosco pareri.
          Grazie ancora.

  11. Luca
    Posted 23/09/2011 at 23:46 | Permalink

    Ciao Rosaria anch’io vorrei iscrivere mio figlio all’Ambrit per il 2012visto che abito in via greppi. Puoi dirmi la procedura per l’iscrizione? Grazie in anticipo. Luca

    • Rosaria
      Posted 26/09/2011 at 11:07 | Permalink

      Ciao Luca,
      Io ho fatto richiesta e interview col preside della Scuola già nel 2010 perchè le liste d’attesa sono molto lunghe.
      In bocca al lupo.
      Rosaria

  12. Alfredo
    Posted 05/01/2012 at 16:02 | Permalink

    Nel 2013 sarò trasferito a Seul per lavoro. I figli avranno 14 e 16 anni con rispettivamente 1 e 2 anni di Liceo sulle spalle. Come prepararli adeguatamente nel prossimo anno scolastico visto che in Korea dovranno affrontare una scuola internazionale (high School) con probabile inserimento al secondo anno per poterla terminare nei tre anni successivi? Qualcuno può dare un consiglio? Grazie

  13. Antonio
    Posted 10/01/2012 at 19:47 | Permalink

    Scusate, qualcuno conosce “La miniscuola” all’EUR?

  14. FRANCESCA
    Posted 11/01/2012 at 13:27 | Permalink

    Salve a tutte,

    Sono la mamma di un bimbo di quasi 3 anni e viviamo nella provincia sud di Roma, zona Castelli romani. Ancor prima di irmanere incinta avevo deciso che mio figlio/a sarebbe diventato bilingue e avrebbe frequenstato un asilo inglese. Purtroppo attuare il mio desiderio non si sta dimostrando facile.

    QUI nella provincia RM non ci sono corsi o playground in inglese per bambini, l’asilo internazionale più vicino è a 30 min da casa mia, a Marino, ma non mi ha entusiasmato molto quando l’ho visitato. Le aule sono microscopiche, l’asilo è in una casa anni ’70, con mobilio e struttura vecchi, giardino minuscolo, gatto che gironzola per le classi quando i bimbi non ci sono (anch’io ho degli animali ma rimangono in giardino e non vorrei che un bimbo di 2 anni mettesse in bocca gli oggetti già accarezzati da altri animali, per quanto puliti). La signora che lo gestisce è molto carina e gentile, ma over 65 e si occupa dei bambini tra i 5-6 anni (età molto ‘vivace’, forse tropppo per la sua età, mi vien da pensare!).

    Insomma, ora che mi trovo davanti alla scelta tra l’asilo italiano che mio figlio frequenta da 2 anni, pieno di attività, musica, con delle maestre dolcissime, vivaci e allegre, ambienti ampi, luminosi, colorati e caldi, e l’asilo inglese buio, vecchio e 3 volte più caro, il mio sogno ‘bilingue’ sembra sempre più lontano :(

    POSSIBILE CHE AI CASTELLI ROMANI QUESTO è IL MEGLIO CHE POSSO TROVARE?

    Consigli cercasi :(

    Voi che fareste?

    Grazie,

    fran

    • FRANCESCA
      Posted 17/01/2012 at 10:39 | Permalink

      Anche se (ancora) più distante da me, vorrei sapere dell’asilo LITTLE GENIUS di Grottaferrata.
      Qualcuno lo conosce?

      Grazie
      fran

    • Silvia
      Posted 25/12/2012 at 18:34 | Permalink

      Ciao, ti consiglio la scuola materna trilingue di la maisonnette all’eur (via dell’umanesimo).
      Mia figlia ha frequentato 2 anni l’asilo nido e quando ci siamo trasferiti a Roma Nord non ho potuto a malincuore farle proseguire il percorso, io abitavo a Pomezia quindi era un sacrificio portarla ma l’ambiente è eccezionale ed i bimbi sono immersi nel francese e nell’inglese tanto quanto nell’italiano.
      Lo staff è estremamente competente ed i bambini sono molto stimolati.
      Ciao
      Silvia

  15. Federico
    Posted 16/01/2012 at 17:09 | Permalink

    Ciao a tutti,

    qualcuno avrebbe un feedback su La Maisonnette? Il nostro pupo di 2 anni e mezzo è prossimo alla materna e quella scuola è comoda per gli spostamenti. Prima di sentirli direttamente mi rivolgo a voi. Nessuno la conosce?
    Grazie.
    Fede

  16. barbara
    Posted 17/01/2012 at 10:26 | Permalink

    Ciao a tutti, avete qualche notizia della st francis di cui non sono riuscita ad avere informazioni ?
    grazie mille

  17. Francesca
    Posted 04/04/2012 at 17:49 | Permalink

    Cara Barbara,
    Sono la mamma di un bimbo che frequenta da 5 anni la St. Francis.
    Contrariamente a quello che dice Silvia, ti dico che mio figlio viene considerato assolutamente “bilingue”. L’ambiente, al contrario di molte scuole internazionali, e’ formato per la maggioranza da bambini non italiani. Quindi anche nei momenti di pausa, come ad esempio la ricreazione, parlare inglese viene naturale.
    Anche il fatto dell’antaganismo tra bambini mi sembra una cosa assolutamente esagerata.
    La trovo una scuola con un’ottima didattica e con un’ambiente internazionale di buonissimo livello.
    Esiste una fortissima sinergia tra insegnanti, bambini e famiglie.
    Insomma io ne sono entusiasta!

    • barbara
      Posted 05/04/2012 at 21:04 | Permalink

      Ciao Silvia, tuo figlio ha iniziato dalla materna o dalle elementari ? voi in casa parlate solo italiano ? in questo caso (che poi sarebbe anche il mio visto che io e mio marito abbiamo deciso di mantenere in famiglia la nostra madrelingua) è stato necessario qualche supporto inglese (baby sitter, ecc.) o è sufficiente la frequenza scolastica ?
      Grazie per fornito anche le tue impressioni. Sai visto l’importanza che penso un po’ tutte noi attribuiamo alla formazione scolastica, fin da piccoli, è molto interessante avere più opinioni. Poi ognuno ha le sue esperienze e punti di vista !!
      Grazie anche se vorrai rispondere alle mie ulteriori domande.

      • sara
        Posted 05/04/2012 at 23:03 | Permalink

        care Francesca, Silvia e Barbara, anche io sarei molto interessata a avere maggiori informazioni sulle vostre esperienze e aspettative. mio figlio inizierà la scuola elementare bilingue (castelli international a grottaferrata) il prossimo settembre. in casa non parliamo inglese ma stiamo facendo tutto il possibile per dargli questa opportunità di una seconda lingua. vi ringrazio molto se vorrete condividere le vostre esperienze.

        • barbara
          Posted 06/04/2012 at 09:23 | Permalink

          Ciao Sara, la scuola di cui parliamo è una scuola internazionale quindi in lingua inglese e non bilingue. C’è una grande differenza ! dalla mia esperienza di bambini/ragazzi con cui ho parlato direi che, in generale, l’apprendimento della lingua è più “veloce” nella prima, vista la diversa esposizione.
          Certo la scelta di una scuola internazionale è più drastica poichè si allontana totalmente dal sistema scolastico italiano, mentre in quella bilingue sia ancora in una via di mezzo. Da dire anche che l’acquisizione della lingua è molto diversa da bambino a bambino ed è ovviamente influenzata dal contesto di appartenenza. Ecco perchè sono molto interessata alle vostre differenti esperienze !!
          Un saluto a tutte e tanti auguri di buona pasqua

      • silvia
        Posted 07/05/2012 at 20:21 | Permalink

        Mio figlio ha iniziato alla St. Francis da quando era all’asilo.
        Noi in famiglia parliamo in Italiano, il nostro inglese è scolastico.
        Quando ho scritto che ha imparato l’inglese abbastanza, significa che è in grado di capire e sostenere una conversazione in inglese senza problemi.Non è però proprio bilingue in quanto i film non li capisce, ma probabilmente verrà.
        La scuola dove va lui ha una maggioranza di bambini Italiani, tranne nelle medie dove rimangono quasi esclusivamente stranieri, a ricreazione quando li ho visti io parlavano italiano, sarò stata sfortunata.
        Posso dire che comunque tutti i bimbi in quella scuola imparano l’inglese, quindi se quello è l’obbiettivo è raggiunto.

        • Barbara
          Posted 07/05/2012 at 22:31 | Permalink

          Ciao Silvia per quanto mi riguarda sicuramente la lingua e’ importante ma non e’ l’obiettivo principale nella scelta della scuola.
          Per questo ti chiedo se puoi dirmi qualcosa in piu’ sul ruolo che viene chiesto alla famiglia, dell’ambiente che hai trovato e delle metodologie didattiche utilizzate ?! O se hai in generale qualche consiglio utile da dare ?!
          Grazie mille
          Barbara

          • silvia
            Posted 09/05/2012 at 11:41 | Permalink

            Ciao Barbara sinceramente io non sono in grado di valutare la metodologia, ti consiglio di chiedere alla scuola.L’impegno chiesto alle famiglie riguarda i compiti che sono maggiori rispetto a quelli dichiarati sul sito e questo a volte rende difficile conciliarli con le attività extrascolastiche.
            C’è chi si fa aiutare per i compiti a casa, ma seguendo il libro siamo in grado anche noi. Per la pronuncia la apprendono da soli dall’insegnante. Io per un paio estati ho ospitato una ragazza alla pari, ma non ritengo sia indispensabile, anche se aiuta.
            L’ambiente è assolutamente normale, c’è una divisa, ma con elasticità, certo non si può paragonare all’Ambrit: lì c’è il limite del 30% d’italiani di conseguenza l’apprendimento della lingua sarà più veloce, sono molto enfatizzati gli aspetti legati alla solidarietà, fanno ceramica, musica, sport, ma bisogna essere realistici la retta dell’Ambrit è praticamente quasi il mio stipendio!
            Il consiglio è di non farsi prendere dall’ansia, almeno per mio figlio i primi due anni sembrava stesse imparando poco l’inglese, ma poi all’improvviso lo sapeva, ti sembrerà strano ma ha fatto così e comunque ti posso dire che dopo un po’ chi prima chi dopo tutti lo imparano.

  18. Francesca
    Posted 06/04/2012 at 08:46 | Permalink

    Per quanto mi riguarda la mia e’ un’esperienza assolutamente positiva. Mio figlio parla un’ottima inglese (a detta di amici americani che l’hanno incontrato la scorsa estate). Supporti gliene do durante l’estate: per due anni di fila ho preso una ragazza alla pari per 1 mese durante l’estate. Per il resto se la cava molto bene da solo. Ho amiche che mandano figli alla Ambrit (pare che sia in assoluto ma migliore di Roma) e confrontandomi con loro trovo che i nostri figli stiano più o meno allo stesso livello. Un’altra cosa che posso dirvi che dalla St. Francis, escono ragazzi che tranquillamente entrano al St. Georges e alla St. Stivens (ottimi licei internazionali) con ottimi risultati. Insomma in bocca al lupo!!!

  19. Maria
    Posted 10/04/2012 at 18:00 | Permalink

    Our twins are 14 months old, and we are starting our research on what school they should go (based on location, curriculum and fees). We live in via Ardeatina (close to the Britannia International School). Does anybody have an opinion on the Britannia or another suggestion close to the south of Rome (but not Casal Palocco)? Thanks.

    • Nayantara
      Posted 08/05/2012 at 08:52 | Permalink

      Hi Maria,

      We live in Eur and work in the centre and we are also looking for feedback on the Britannia International School.
      I received extremely different comments, from great to bad, hence find it very hard to decide on what to do. Our children are 4 and 2 and our research is also based on location, curriculum, and, of course eventually fees. Maybe we could keep in touch and share the outcome of our research?

      Cheers,
      Tara

      • Maria
        Posted 16/05/2012 at 00:32 | Permalink

        Hi Tara,
        I guess we are the only ones interested in the Britannia, not a good sign! I wonder if people from EUR send their kids all the way to the North of Rome or to Casal Palocco because there not real good options around the area. I’m planning to schedule a visit to check it out, but would love to hear feedback from people with real personal experiences. I am considering the Britannia, because I went to La Maisonette and they suggested me to check it out. Then, I was looking for a bilingual school.
        Regards,
        Maria

        • nayantara
          Posted 14/01/2013 at 11:02 | Permalink

          Hi Maria,

          How are you? Did you eventually enrol your kids in the Britannia?
          We too live in Eur and there are no other options unless we take them to St. George’s on the Nomentana. I wonder though if after primary they all have to move to Cassia, it will be very inconvenient from Roma Sud.
          What did you decide?

          Ciao,
          Tara

  20. FRANCESCA
    Posted 12/04/2012 at 12:30 | Permalink

    Ai Castelli mi hanno appena segnalato un’altro asilo, il Children’s Castle International, fondato da poco meno di un anno da una delle insegnanti del Little Genius (credo). Qualcuno la conosce?

  21. Alessandra
    Posted 18/04/2012 at 13:20 | Permalink

    Buongorno, mi sto addentrando in questo mondo di scuole internazionali. Ho due cose da chiedere e spero mi possiate aiutare:
    1) a quanto ho capito alcuni di voi hanno mandato i propri figli a scuola internazionale a partire dai 6 anni. Avete riscontrate difficoltà nell’approccio da parte dei Vostri ragazzi? Insomma, il passaggio come è stato per loro?
    2) Avete opinioni vostre o sentito feedback sull’American Overseas?
    Grazie in anticipo per il contributo!

  22. Claudia
    Posted 24/10/2012 at 10:27 | Permalink

    Buongiorno,
    dopo due anni trascorsi in Inghilterra siamo rientrati a Roma (EUR). Nostro figlio (6 anni) ora e’ bilingue. Lo abbiamo pero’ iscritto ad una scuola primaria italiana, ma stiamo cercando qualche tipo di attivita’ ludica extra scolastica per permettergli di mantenere l’inglese. Qualcuno ha idea se le scuole internationali diano questa possibilita’ oppure avete altre informazioni a riguardo? Per il momento escluderei un vero e proprio corso di lingua. Grazie Claudia

  23. Chiara
    Posted 25/10/2012 at 00:06 | Permalink

    Buonasera,
    vorrei far frequentare a mio figlio una scuola internazionale a partire dall’anno prossimo (prima elementare) e tra quelle prese in considerazione, anche in conseguenza della zona in cui si trovano, ci sono il Marymount International School di Via di Villa Lauchli ed il St. George’s sulla Cassia. In merito a quest’ultimo ho sentito dire che vengono accettati solo bambini facenti parte di famiglia straniera all’interno delle quali l’inglese sia già conosciuto.
    Sul Marymount, invece, ho pochissime notizie.
    Ringrazio anticipatamente chiunque voglia darmi informazioni o esprimere opinioni su queste due scuole, dato che non ho nessuno cui fare riferimento.
    Grazie ancora.
    Chiara

  24. Federica
    Posted 10/11/2012 at 16:21 | Permalink

    Salve anche io vorrei informazioni più’ precise,se ne avete ,sul Core INT.school in quanto mi è stato detto che visto che mio figlio e’ nato in Ottobre e non è un ex-alunno sarà quasi impossibile possa frequentare tra due anni la scuola,in piu’vogliono che a casa si parli rigorosamente in lingua inglese.Ma è vero o hanno tentato di liquidare la mia domanda con varie scuse?…Federica

    • Elisabetta C.
      Posted 12/11/2012 at 08:56 | Permalink

      Federica, la Core ha un’unica sezione di 16 bambini, per cui hanno precedenza fratelli e sorelle di iscritti e poi i madrelingua o figli di famiglie ‘miste’ (un genitore madrelingua). Poi, essendo una scuola piccola, ha procedure di admission molto informali; penso che sostanzialmente si scelgono gli alunni che vogliono.
      La cut off date è fine agosto, come per tutte le scuole inglesi.
      Tuo figlio di che anno è?
      Comunque io penserei anche ad una scelta alternativa, perchè entrare è difficile anche per via dello scarso numero di posti.
      Questo è quanto so
      Elisabetta C.

  25. Rosy
    Posted 14/12/2012 at 01:14 | Permalink

    Salve!
    Qualcuno conosce New School di Roma? E’ una buona scuola? Grazie!

    • Paola
      Posted 16/12/2012 at 21:14 | Permalink

      io alla New School ci lavoro da 15 anni, mio figlio la frequenta da 12 anni, posso dire che veramente è un’ottima scuola, piccola ma l’insegnamento è di prima classe, si lavora tutti con serietà e allegria, posso suggerirvi di visitare i siti delle scuole che vi interessano ? comunque sono a disposizione di chiunque abbia delle domande

      • Elisabetta C.
        Posted 19/12/2012 at 13:48 | Permalink

        Ciao Paola,
        solo per curiosità, ma come mai la New School non organizza mai un open day?
        Elisabetta C.

        • Paola
          Posted 28/12/2012 at 15:12 | Permalink

          ..è stato organizzato in passato. La scuola è piccola e previo appuntamento chiunque è benvenuto a visitare la scuola, accompagnato dalla Preside o da un alunno, e vederla in opera senza bisogno di “organizzare una giornata modello”, tutto sommato artificiosa.
          ciao

      • Rosy
        Posted 30/12/2012 at 16:06 | Permalink

        Cara Paola,
        grazie mille per la risposta! Buon Anno!
        Rosy

      • Chiara
        Posted 14/01/2013 at 14:26 | Permalink

        Paola buongiorno,
        io sono stata qualche mese fà a visitare la New School per mio figlio che inizierà la prima elementare a settembre e l’impressione è stata buona. L’unica perplessità è stata, appunto, la piccola quantità di alunni (una sola classe di 15 bambini fino alle superiori) che, se da un lato mi rassicura perché garantisce una maggiore concentrazione verso quelli che ci sono, dall’altro fa nascere in me il timore di un ambiente troppo chiuso ed innegabilmente diverso rispetto all’ordinario (il che può anche essere un bene).
        Ammetto di essere passata senza appuntamento e di non aver potuto chiedere tutte le informazioni che avrei voluto.
        Se possibile, vorrei sapere da te come sia il programma di italiano e se l’inserimento di un bambino dalla prima elementare (mio figlio – che ha compiuto 5 anni quest’anno – ha frequentato una scuola materna italiana) possa essere problematico ovvero siano previsti supporti didattici per i bambini che non sono di madrelingua inglese.
        Purtroppo ho visitato molto rapidamente la struttura ed ho visto la classe ma non i laboratori esterni. Sono ben organizzati per quanto riguarda le attività collaterali?
        Grazie infinite per le informazioni.
        Chiara

        • Paola
          Posted 14/01/2013 at 20:59 | Permalink

          Chiara, ripeto quello che ho già detto, la cosa migliore è prendere un appuntamento con la Preside e visitare la scuola.
          La scuola è piccola ma molto ben organizzata, proprio all’inizio di Gennaio la scuola si è espansa (sette nuove aule) e quindi ora ci sono laboratori di scienze, informatica, teatro, biblioteca, musica. Per quanto riguarda l’inserimento di un alunno in prima senza nessuna base di inglese (anzi se ha cinque anni adesso l’anno prossimo sarebbe in seconda) la vedo dura: alcuni anni può succedere che ci sia un posto libero (ma nella scuola elementare i posti liberi scarseggiano, e la precedenza è sempre data ai madrelingua inglese) e sicuramente c’è il supporto ESL, ma non è ideale. Altre volte ci sono liste d’attesa lunghissime, e nessuna possibilità di inserimento : dipende.
          I programma di Italiano ? due lezioni di mezz’ora in seconda, due di 45 minuti in terza e quarta, due di un’ora in quinta e sesta. ..spesso i genitori si organizzano e fanno fare lezioni extra . Sono scelte che vanno ben ponderate. Io non ho mai fatto fare lezioni di italiano extra a mio figlio, l’ho mandato e lo mando a fare un ottimo corso di teatro nei pressi di Via Portuense, dove si è fatto anche un sacco di amici tutti provenienti da scuole diverse, e così è anche uscito dal “giro” delle scuole internazionali. Ma l’ho anche mandato un anno in una scuola inglese in Inghilterra.
          Per quanto riguarda le classi di 15 alunni devi decidere tu cosa privilegiare. La New School, essendo una scuola piccola, per competere ha puntato e punta tutto sull’eccellenza dell’insegnamento e sull’attenzione unita al rispetto individuale (gli impianti sportivi non li abbiamo, la scuola di avvale di impianti esterni, la scelta di materie è ridotta all’essenziale), poi ogni genitore decide cosa privilegiare, ogni scelta comporta una rinuncia…. ogni scuola ha un suo carattere, secondo devi visitare le scuole che ti interessano e scegliere quella che istintivamente riconosci come quella giusta per tuo figlio.

          • Chiara
            Posted 14/01/2013 at 22:58 | Permalink

            Paola,
            ti ringrazio molto per la tua risposta. Prenderò un appuntamento come mi hai consigliato per visitare nuovamente la scuola e capire se ci siano possibilità di iscrizione.
            Grazie ancora e buona serata.

  26. ANTONIO
    Posted 20/12/2012 at 10:19 | Permalink

    Ciao a tutti.
    Stiamo valutando di iscrivere nostra figlia di 4 anni alla scuola francese Chateaubriand con la prospettiva di farle compiere l’intero ciclo compreso il liceo. Qualcuno di Voi ha avuto esperienze su questa scuola oppure ha qualche commento che ci possa essere utile? Grazie

  27. luna
    Posted 23/12/2012 at 09:34 | Permalink

    voglio sapere il prezzo piu o meno del scuole internazionali perfavore , ho 2 bambini una di 6 anni e l’altrodi 11 anni . grazie

    • valentina
      Posted 24/12/2012 at 14:26 | Permalink

      i prezzi variano dalle zone, dalla scuola e dalle classi: da un minimo di 6 mila euro circa ad un massimo di 15 mila euro.

  28. Paolo
    Posted 27/12/2012 at 20:02 | Permalink

    Salve a tutti,
    Mi sono letto con molto interesse tutti i post.
    Io vivo a Londra, 3 bambini + 1 in consegna ad agosto! South Kensigthon, tutto bello…meno nel week-end!
    La penso come Francesco…ma…l’ Italia mi manca per tante cose….ancorché non appena scendo dall’aereo all’aereoporto di Roma x le vacanze mi maledico ad ogni metro che faccio (a partire dalle valigie in ritardo, gente all’uscita del terminal ammucchiata sulla porta invece che dietro la linea, taxi abusivi, etc…davvero ogni metro).
    Condizione per tornare: trovare una scuola inglese primaria e secondaria (possibilmente zona Gianicolo/Trastevere!) dove i miei possano continuare quanto intrapreso. Sarebbe meglio se la scuola abbia sia la Primary che la Secondary visto il numero di bambini…
    Sintetizzo troppo se dico che la St. Francis ha i prezzi migliori ma sulla qualità non siete unanimi mentre la St. George/Ambrit/St. Stephen …ossia tra 15 e 20 mila euro la qualità e’ induscitibile?
    Essendo andato sempre e solo in scuole pubbliche, i prezzi qui mi fanno rabbrividire, quindi sarei più che felice leggere buone news sulla St. Francis…quindi prego tutti i parenti che vanno a questa scuola di scrivere…mi piacerebbe anche conoscere gli orari e le attività extra scolastiche. A Londra vanno dalle 9 alle 3.30pm e nel pomeriggio possono scegliere tra varie attività (karatè, musica, sport ecc.).
    Seconda domanda: come forse alcuni di voi sanno, a Londra le scuole non danno molti compiti a casa (o per lo meno non quanti ne davano a me!!). Come è la storia qui? Io preferirei che facessero più compiti, soprattutto matematica…

    Aspetto voi prima di tornare…

    • Paola
      Posted 28/12/2012 at 15:36 | Permalink

      io insegno alla New School con figlio che la frequenta da 13 anni e posso rispondere a alcuni di questi quesiti. Innanzitutto è vero che le rette variano in base alla scuola, ma anche a seconda del ciclo : Early Years costa meno di Key stage 1, che costa un po’ meno di Key stage 2 e via dicendo. Quindi è meglio valutare a seconda dell’anno scolastico.
      In zona Trastevere/Gianicolo la scuola più accessibile è l l’Ambrit, con un sistema però misto italo/americano, non britannico. St Stephen è un Liceo Americano. Se Lei vuole continuare con il sistema britannico, la scelta dovrà cadere o tra la New School o la St George’s, entrambe coprono l’intero ciclo dall’Asilo a Year 13. La New School è molto più piccola, non più di 15 alunni per classe, i ragazzi sono molto seguiti, lo studio più approfondito, e segue il tradizionale sistema insulare inglese, IGCSE e A levels, e costa meno della St George’s, scuola più grande e tradizionale (hanno la divisa e 25 alunni per classe) che però offre di più in termini di attività sportive e extra scolastiche in generale, e che offre il sistema IB e non gli A levels. Per quanto riguarda i compiti le scuole inglesi come lei ben saprà ne danno meno di quelle italiane, anch’io come lei quando mio figlio faceva le elementari avrei preferito un programma di matematica più strutturato. Ma fa parte di tutto un discorso più grande sulla differenza tra il modo di concepire la scuola che hanno i due paesi.

      • Paolo
        Posted 28/12/2012 at 19:04 | Permalink

        La ringrazio Paola. Credo che quasi sicuramente continuerò con sistema britannico…
        Una domanda: ho letto sempre in un post che esiste una scuola internazionale pubblica a Roma chiamata convitto nazionale…che ne pensate?

        • Paola
          Posted 30/12/2012 at 18:57 | Permalink

          il Convitto non è una scuola internazionale, è un liceo pariolino della Roma bene, tradizionalmente della destra romana, ma ora frequentato da anche altre utenze ….assai innovativo nel noioso panorama italiano, nel senso che oltre al solito classico ecc c’è il liceo “cinese”, c’è il liceo europeo (meno greco e latino, e più francese e inglese), e pure quello coreutico. … è molto molto difficile entrarci, c’è un’aspra selezione solo per quanto riguarda però gli alunni (legga tra le righe).
          Esiste poi il liceo Virgilio, zona via Giulia, denominato “internazionale” (qui siamo tradizionalmente a sinistra, anche se non si chiama proprio “l’Internazionale”…..qualsiasi cosa possa ancora significare, forse solo oKKupazioni frequenti, che invece non si fanno al Convitto) ….credo sia una specie di linguistico glorificato, forse si approfondiscono di più l lingue.
          Dipende cosa vuole lei per i suoi figli, ma non si affidi troppo alla dicitura “internazionale”, le conviene andare sui siti a vedere i programmi. Ripeto, se vuole il sistema britannico, a Roma, o la New School o la St George’s. Eccellente, classi piccole, individualista, sistema A levels, liberal e informal, anche un po’ eccentrica ma piccola, la prima ; buona, più regimental , sistema IB, tradizionale e costosa la seconda ma di più ampio respiro (accademico, sportivo e sociale).

          • Elisabetta C.
            Posted 31/12/2012 at 12:30 | Permalink

            Grazie a Paola per la risposta sull’open day della New School. Vuol dire che prenderò appuntamento per visitarla, non si sa mai, ho tre figli e tra due anni, quando la grande finisce la scuola bilingue e deve fare le superiori, mi si pone il problema della scelta tra scuola inglese o scuola italiana…

            Sul Convitto Nazionale, per Paolo, ti direi che non è quello che cerchi.
            Dei due licei interessanti solo lo Scientifico Opzione Cinese ha una materia in lingua inglese insegnata con il metodo CLIL. (http://www.convittonazionaleroma.com/?page_id=3903&preview=true)
            L’altro è principalmente in francese
            http://www.convittonazionaleroma.com/scuola/liceo-scientifico-2/
            Comunque, per darne un giudizio politico-sociale, più che una scuola “pariola” è una scuola della destra (insomma, molto gettonata dagli ex missini…). Del resto anche l’ordinamento di cui gode è di epoca fascista, il che conferisce al Convitto, credo, la possibilità di avere finanziamenti che, se ben gestiti, consentono di offire servizi molto diversi dalle scuole pubbliche romane (che stanno più o meno alla canna del gas…che trsistezza…)

            Comunque, in caso di ritorno in Italia, devi decidere sulla base del tipo di esame finale che vuoi per i tuoi figli (nelle scuole superiori), il che influenza anche l’accesso alla università. Se vuoi l’IB o gli A levels o gli AP, devi scegliere una delle scuole internazionali che hanno questi tipi di programmi (e puoi guardare la lista completa delle international schools qui http://www.romeschools.org/).
            Se vuoi conservare la lingua inglese e basta ci sono altri metodi (tanti, ad esempio 4 weeks of summer camps a year do miracles…).
            Se invece vuoi a bit of both worlds, vanno bene anche le scuole bilingui.

            Ed infine segnalo UNA CHICCA: due licei pubblici italiani che stanno adottando gli IGCSE.

            Sono stata ad un open day, è una sperimentazione che a Roma sta iniziando ora. Tra l’altro, come nota personale, si tratta di 2 licei ad un passo da casa mia (uno, quello Classico, è il mio ex liceo).

            Speriamo prosegua e introducano anche gli A level. Qui c’è la sperimentazione del LICEO SCIENTIFICO CAMBRIDGE INTERNATIONAL
            http://www.iisviasalvini.it/index.php?option=com_content&view=article&id=297:centro-internazionale-cambridge&catid=7:comunicazioni&Itemid=8

            Per capire come funziona potete andare qui
            http://www.cie.org.uk/qualifications/bilingual_education

            Si paga ma poco. Non c’è track record perchè hanno iniziato quest’anno. Però al Galvani di Bologna lo fanno da anni.

            Certo, una scuola British vera è meglio, però questa è una buona risorsa. Ora lo ‘posto’ anche nell’altro thread sulle scuole.

            ciao a tutti e buon anno
            Elisabetta C.

  29. Lavinia
    Posted 31/12/2012 at 16:00 | Permalink

    Ciao a tutti! Complimenti per le interessantissime notizie degli ultimi post!! Nel mio piccolo posso dirvi che ho due bimbe di 7 e 8 anni (2nd and 3rd grade) che vanno alla St Francis e sono davvero soddisfattissima!
    Si tratta di una scuola piccola, molto carina, seria e dedicata ai bambini in maniera incredibile. Ottimo l’insegnamento della lingua (confermato mi da amiche inglesi che hanno incontrato le mie bimbe proprio in questi giorni di Natale). È’ una scuola severa, dove si studia e dove le disciplina e’ la prima regola. Ambiente piuttosto eterogeneo con parecchi stranieri (in ogni classe più o meno il 50%).
    Per chi volesse altre informazioni, sono qui!!
    Saluti Lavinia

    • Paolo
      Posted 31/12/2012 at 19:19 | Permalink

      Lavinia, Elisabetta, Paola,
      Grazie a tutte e tre per le informazioni!
      Elisabetta: non mi e’ chiaro come funzionerebbero I due licei di cui parli. Fanno solo esami o farebbero anche corsi di scuola secondaria stile UK??? Dalla lettura del loro sito sembrerebbero che fanno corsi con la scelta finale della sixth form??

      • Elisabetta C.
        Posted 01/01/2013 at 09:39 | Permalink

        Paolo, fanno anche i relativi corsi, seguendo il syllabus inglese. Ovviamente li fanno per le materie caratterizzanti l’indirizzo del liceo: ad esempio math per lo scientifico, in modo da economizzare gli sforzi. Comunque sono partiti solo da settembre e quindi è troppo presto per dare un giudizio. Tuttavia, se guardi il sito del CIE da me citato e vedi la parte riguardante l’Italia, c’è un video di come si fa lezione al Galvani di Bologna, primo liceo in Italia ad adottare questo doppio programma
        BUON ANNO A TUTTI!
        Elisabetta

        • Paola
          Posted 01/01/2013 at 15:11 | Permalink

          Elisabetta, grazie delle interessantissime informazioni, avevo sentito parlare di scuole che fanno i GCSE a Roma ma non ne avevo i riferimenti precisi, ora mi informerò meglio anche per scoprire se ce ne siano altre che lo fanno da più tempo.
          Una precisazione di carattere generale, l’accesso alle Università britanniche non è condizionato dai GCSE o A levels. Un ottimo voto alla Maturità (60/60?) nello stesso indirizzo umanistico o scientifico della facoltà prescelta , un “C” at GCSE in English Language or Proficiency, una personalità spigliata , ricchezza di interessi (teatro, sport) might just as well do the trick.
          Un altro commento generale, ho sempre pensato che la famiglia di cultura esclusivamente italiana che decide di far frequentare al pargolo o alla pargola la scuola inglese (o americana) dovrebbe farlo solo perché si trova in sintonia con il particolare modo di concepire lo studio e la scuola del paese di cui elegge il sistema scolastico (quindi approfondire bene tutta la questione, che è assai complessa) ancor più che pensare che così facendo i figli si impadroniranno dell’inglese o avranno la via spianata per l’accesso alle migliori università anglofone.
          Il bilinguismo ha senso se è un arricchimento, un veicolo in più di espressione e conoscenza, un’ulteriore apertura mentale, (se è sostenuto culturalmente in modo solido oltre il recinto della scuola e diventa parte integrante della vita della vita dei bambini/ragazzi) sennò è un impoverimento e basta. L’inglese si può studiare con moltissima efficacia come lingua straniera senza massacrare la lingua madre, ne guadagnano tutte e due le lingue alla fine, e alle Università inglesi e americane si può entrare senza passare per gli A levels o quant’altro.
          Buon anno a tutti ! E grazie

          • Paolo
            Posted 01/01/2013 at 16:07 | Permalink

            Confermo! E’ vero sia per under graduate che post. Io stesso ho fatto un master in UK con borse di studio e incontrato amici italiani che avevano fatto liceo in Italia e poi università in UK.
            Vorrei chiarire che da parte mia la ricerca di scuola inglese non è per entrare in una “élite” o per l’inglese stesso, ma solo per dare continuità ad un sistema già iniziato. Sono in verità molto fiero del sistema scolastico Italiano di cui ho potuto usufruire (tutto pubblico), ancorché confesso abbia un certo timore su quello attuale (ma così come ho timore del SSN attuale, dei servizi pubblici in generale, ecc. Ecc.).
            Elisabetta mi guardero’ bene l’andamento di questi licei. Magari fossero il giusto mix!

            Auguri a tutti!

            Paolo

          • Elisabetta C.
            Posted 12/01/2013 at 07:35 | Permalink

            Si Paola, so bene che si può entrare all’Università in Inghilterra anche con un titolo italiano. Io stessa sono stata visiting student per qualche mese ad Oxford durante l’università italiana e poi dopo l’università ho fatto un master di un anno nello stesso College di Oxford che mi aveva accolto qualche mese come undergrad. Ovviamente ero già bilingue e avevo il Proficiency del Cambridge ma non avevo titoli ‘accademici’ inglesi. Certo da graduate è più facile perchè la laurea italiana, almeno un tempo, era comunque meglio considerata della non oggettiva maturità italiana (a proposito, ora l’esame di Stato non è più in sessantesimi ma il voto massimo è 100/100 e lode).
            a presto
            Elisabetta C.

          • Paola
            Posted 20/01/2013 at 23:45 | Permalink
    • Barbara
      Posted 01/01/2013 at 20:03 | Permalink

      Ciao Lavinia, vorrei sapere quanti bambini ci sono per ogni classe e quante insegnanti, come ti sembra il contenuto dell’offerta formativa della scuola, una tua opinione sulle insegnanti (sono solo americane ?!) e qualche consiglio utile che ti senti di dare a chi, come me, fosse interessata alla scuola.
      Le tue figlie quando hanno iniziato in prima elementare oppure alla materna ?
      Pensi di continuare anche alle superiori oppure ritornerai alla scuola italiana ? hai informazioni su come si trovano i bambini dopo le medie, sia al liceo italiano che eventualmente ad altra scuola internazionale, visto che mi pare di aver capito che questa scuola si ferma alle medie.
      Grazie e tanti auguri !!
      Barbara

    • valentina
      Posted 13/01/2013 at 23:39 | Permalink

      lavinia, ho fatto la preapplication per il saint francis e a breve mi faranno sapere…posso scriverti in privato (dove?) per non annoiare gli altri su domande specifiche sulla scuola?

      • Bilingue Per Gioco
        Posted 14/01/2013 at 08:01 | Permalink

        Valentina, Lavinia, per favore niente email private, se no diventa un forum, ma chiedete e rispondete pure nei commenti, chi non è interessato non legge, chi è interessato avrà informazioni utili. grazie a entrambe! L.

        • valentina
          Posted 14/01/2013 at 13:10 | Permalink

          ok. letizia.
          io, volevo fare delle domande specifiche a lavinia sul saint francis e sapere:
          - se e quanto studiano la lingua italiana: ai tuoi figli sono servite ripetizioni di italiano per leggere e scrivere correttamente? io sarei comunque dell’idea di stare al passo con la scuola italiana per far fare gli esami da privatista a fine ciclo elementare (o forse anche a metà ciclo).

          - la direttrice mi ha detto che quest’anno, per i bambini della scuola materna, non hanno fatto attività sportive pomeridiane (penso per mancanza di iscritti). normalmente le altre classi fanno attività sportive?

          - i bambini in media in classe quanti sono ?(una conoscente mi ha riferito ma non ho evidenze che sono tantissimi: 25/30 con una sola insegnante )

          grazie lavinia.
          v.

  30. elisa
    Posted 06/01/2013 at 23:02 | Permalink

    chiedo gentilmente se qualcuno può fornirmi notizie sulle seguenti strutture:
    - scuola internazionale, canale della lingua Casalpalocco;
    - La Maisonette – Infernetto;
    - scuola internazionale di Ostia.

    Ho un bambino che compirà 3 anni a giugno 2013 e vivo in zona Infernetto.
    Mi piacerebbe fargli apprendere almeno una lingua straniera.

    Grazie.

  31. valentina
    Posted 06/01/2013 at 23:17 | Permalink

    elisabetta, qual’è il liceo classico a roma con IGSE?

    • Elisabetta C.
      Posted 07/01/2013 at 08:55 | Permalink

      E’ il classico Goffredo Mameli a via Micheli. Ma sul sito ancora non c’è scritto, l’hanno detto all’open day dello scientifico Azzarita con cui ora fa istituto comprensivo (rivedi i link del mio commento più sopra).
      Elisabetta

  32. elvira g
    Posted 10/01/2013 at 10:59 | Permalink

    ciao a tutti,

    noi abbiamo due bambine di quasi 5 anni alla southlands a casalpalocco e onestamente siamo un po delusi. siamo stranieri e le bambine cresecono parlando tre lingue ma sanno poco italiano visto che noi non saremmo qui per sempre. quando tutta la familia e insieme parliamo inglese perche e la nostra unica lingua in comune, lo capiscone bene e sanno anche parlare ma non e la loro prima lingua e gli abbiamo mandato alla scuola inglese per migliorare. purtroppo non e successo finora invece hanno cominciato a imparare la lingua italiana visto che gli hanno messo in una classe con solo bambini italiani chi non sanno absolutamente parlare inglese. E per questo fatto loro sono anche un po escluse del gruppo. Per noi e ingiusto e sembra anche un spreco di tempo e tanto tanto denaro. Ho parlato con gli insegnanti e loro sono dispiacuti ma non possono fare tanto e il preside non sembra troppo interessato ad aiutarci. Adesso cerchiamo und scuola veramente internazionale per il prossimo anno con una percentuale piu alta di bambini che sanno parlare inglese. se qualcuno ha qualche suggerimento…

    grazie
    elvira

  33. Lavinia
    Posted 14/01/2013 at 13:29 | Permalink

    Ciao Valentina, ti rispondo subito:
    1) l’Italiano alla St. Francis si studia dalla terza elementare, per 2 ore a settimana. Naturalmente non ci si può aspettare che siano allo stesso livello dei bambini della scuola italiana, perchè con solo due ore a settimana le lacune nel leggere e nello scrivere sono parecchie. Mi figlia frequenta appunto la terza elementare e per adesso non la gravo con ripetizioni extra, anche perchè i compiti di inglese sono parecchi e tempo a disposizione tra sport e varie, davvero poco. L’esame da privatista è comunque previsto in quinta elementare. L’unica cosa che faccio in più e farla leggere tantissimo, che comunque poi, aiuta anche nello scrivere.
    2)Per quanto riguarda attività sportive pomeridiane, sono previste, almeno per quest’anno, solo per le scuole medie. Non mi risulta comunque che neanche in passato siano mai stati organizzati corsi pomeridiani per i piccoli.
    Ci sono invece, a partire dalla prima elementare, corsi di teatro, fonetica, spagnolo, e la possibilità di rimanere il pomeriggio, un’ora in più, a fare i compiti.
    3)I bambini per classe non sono assolutamente 25/30! Calcola che mia figlia in terza sono 16 e l’altra mia figlia in seconda, sono 20. Comunque nessuna classe ha più di 20 alunni.
    D’altro ti posso dire che mi sto trovando molto bene, e anche le mie figlie sono molto contente. Si tratta di una scuola molto, molto severa, che ci tiene molto alle regole e dove la disciplina è fondamentale. Tanti compiti il pomeriggio, forse anche un pò troppi, ma anche li, dipende da tuo figlio. Ottimo ambiente “multietnico”, dove fortunatamente trovi genitori alla mano e dove la cartella o il giubbotto firmati rimangono ben lontani!!!
    Spero di esserti stata d’aiuto!!
    Un saluto

  34. Barbara
    Posted 14/01/2013 at 14:00 | Permalink

    Ciao Lavinia, se hai tempo puoi rispondere cortesemente anche alla mia dell’01/01/2013:

    Ciao Lavinia, vorrei sapere quanti bambini ci sono per ogni classe e quante insegnanti, come ti sembra il contenuto dell’offerta formativa della scuola, una tua opinione sulle insegnanti (sono solo americane ?!) e qualche consiglio utile che ti senti di dare a chi, come me, fosse interessata alla scuola.
    Le tue figlie quando hanno iniziato in prima elementare oppure alla materna ?
    Pensi di continuare anche alle superiori oppure ritornerai alla scuola italiana ? hai informazioni su come si trovano i bambini dopo le medie, sia al liceo italiano che eventualmente ad altra scuola internazionale, visto che mi pare di aver capito che questa scuola si ferma alle medie.
    Grazie mille
    Barbara

  35. Francesca
    Posted 19/01/2013 at 23:52 | Permalink

    Buonasera a Tutti, ho una bambina che il prox dicembre compirà tre anni sono di Bergamo e vorremmo farle intraprendere il percorso di studi internazionale/scuola multilingue. Siamo indecisi tra scuola svizzera o international school. C’è qualcuno di Bergamo che ha già sperimentato queste scuole ed ha info anche sui costi di retta ed extra vari? Grazie!

  36. Ludovica
    Posted 23/01/2013 at 12:41 | Permalink

    Ciao a tutti, ho letto tutti i singoli commenti qui trovati,ma ahime ancora non ho trovato risposta alle mie domande.
    Abito a Roma in centro, mia figlia ha compiuto da pochissimo 2 anni e per la scuola italiana rientra nell’ultimo anno dell’asilo nido,ma potrebbe rientrare anche nel primo anno della materna. Il mio desiderio sarebbe iscriverla ad una scuola bilingue o internazionale. In famiglia sia io che mio marito abbiamo origini straniere, mio marito parla con la bambina in inglese ed io in italiano.
    Ho fatto richiesta oggi alla Marymount,dove oltre a non accettarla a causa dell’età per l’anno 2012/2013, verrebbe comunque messa in lista d’attesa per il 2013/2014 causa classi tutte piene.

    Visto che a Settembre vorrei comunque mandarla da qualche parte, sapete consigliarmi qualche posto in caso anche solo per un anno? Dove chiaramente non fanno problemi per l’età.

    Ho letto nei vostri commenti di una certa Maisonnette all’EUR, ne esiste in caso una piu centrale di vostra conoscenza? me la consigliereste? e’ una scuola pubblica o privata con costosissima retta?

    Grazie per l’attenzione

    L

    • Elisabetta C.
      Posted 26/01/2013 at 08:10 | Permalink

      Ludovica, per quel che so tutte le scuole di lingua inglese NON accettano anticipi scolastici perchè la cut off date in UK e in USA è agosto o settembre. Dunque per accedere alla nursery la bambina DEVE avere 3 anni a settembre.
      Ho visto però che la Rome international school ha una classe di pre-nursery dai 2 anni.
      Comunque ti invito a guardare i siti web delle scuole. Possibile che nessuno li legga? D’altronde è da lì che traggo le informazioni!
      La Maisonnette è una scuola italo-francese cui l’inglese è stato aggiunto strada facendo. Se il francese non ti interessa io lascerei stare, però se non ricordo male la Maisonnette ha anche il nido.
      Guarda il sito. Ha molte sedi a Roma.
      Ciao
      Elisabetta C.

  37. Ludovica
    Posted 23/01/2013 at 12:51 | Permalink

    FACENDO RIFERIMENTO AL MIO POST PRECEDENTE, CHIARAMENTE HO FATTO UN ERRORE NEL RIFERIRMI AGLI ANNI SCOLASTICI. HO FATTO RICHIESTA OGGI PER IL 2013/2014 MENTRE PER IL 2014/2015 E’ GIA TUTTO PIENO!

  38. Giusy
    Posted 24/01/2013 at 12:16 | Permalink

    Ho una figlia di 5 anni che a settembre iniziera’ le elementari. E’ bilingue italiano/olandese. STiamo valutando la possibilita’ di mandarla alla scuola internazionale Ambrit di Roma. Qualcuna di voi ha gia’ esperienza di questa scuola? Sapete che metodo usano?

    Grazie

  39. Sissi
    Posted 27/01/2013 at 23:04 | Permalink

    Ciao tutti!io sono mamma di due bimbi 2.4. È sono cinese. Prima anke io veglio bimbi vanno a una scuola internazionale pero fanno pochissimo italiano , al fine ho scelto hightland e una scuola paritari italiano pero fanno 2ore inglese ogni giorno , e dopo media vanno ambrit liceo vanno s steven school. Non so casi e giusto o no? Grazie!

    • Bilingue Per Gioco
      Posted 28/01/2013 at 06:39 | Permalink

      Sissi,
      non è nè giusto nè sbagliato, è una scelta… La domanda è se Ambrit o St. Steven accetteranno ragazzi che provengono da una scuola bilingue e non internazionale, personalmente non ne ho idea.
      Letizia

  40. Lisa
    Posted 28/01/2013 at 22:31 | Permalink

    Possibile nessuno sappia dirmi niente di Petranova? Dovrebbe essere una scuola bilingue in zona piazza Bologna

  41. stefania
    Posted 10/02/2013 at 21:37 | Permalink

    Salve a tutti,sto cercando disperatamente un Cambridge Examination Center a Roma per mio figlio.Attualmente frequenta una scuola bilingue in Spagna,ha già conseguito l’IGCSE e ora è al primo anno di A level.Qualcuno mi sa consigliare?
    Grazie
    Stefania

    • Elisabetta C.
      Posted 11/02/2013 at 12:37 | Permalink

      Ciao Stefania
      a parte che puoi chiedere al British Institute di via delle iV fontane, basta che lo cerchi su google (lì si possono fare gli ESOL ma magari ti possono dire anche degli A levels, non so), ma l’unica scuola cambridge a Roma che io sappia per ora è questa
      http://www.iisviasalvini.gov.it/index.php?option=com_content&view=article&id=24:centro-internazionale-cambridge&catid=2:uncategorised
      Da quest’anno fanno IGCSE e A levels.
      Poi non so se nelle scuole internaizonali si possono fare gli esami come privatisti… in questo caso spero ti risponda Paola per la New School e magari puoi sentire il st George di via spallanzani…
      ciao
      Elisabetta C.

      • Paola
        Posted 11/02/2013 at 22:49 | Permalink

        alla New School non si accettano studenti esterni per gli esami

  42. stefania
    Posted 12/02/2013 at 16:47 | Permalink

    Volevo ringraziare Paola ed Elisabetta C.per i loro commenti.Cmq il British Institute non mi può aiutare.La New School mi sembra interessante,anche se lontanissima da casa nostra.Con iisvia salvini,non ho ancora parlato,vi farò sapere

  43. valentina
    Posted 15/02/2013 at 13:51 | Permalink

    dopo aver attesa mesi e mesi ed esser stata la prima a fare la pre application per l’anno prossimo al saint francis mi hanno comunicato che non c’è posto per le mie figlie al kindergarden perchè hanno preferito bambini che hanno già fratelli nella scuola.
    le mie figlie capiscono l’inglese (nursery school americana) e sono anni che cerco di impegnarmi in un percorso bilingue ma sapere che, a causa di mancanza di raccomandazioni (o figli più grandi!!!) non potrannno frequentare la scuola internazionale mi rende triste.

    • paola
      Posted 15/02/2013 at 13:58 | Permalink

      St Francis non è mica LA scuola internazionale, ce ne sono altre !!!!

  44. valentina
    Posted 15/02/2013 at 14:05 | Permalink

    si, certo paola, ma ho già sentito anche la kendale, la new school, la greenwood….nessuno ha posto.
    alcune, ammetto hanno rette che non mi posso permettere (anche perchè avendo due figlie si raddoppiano!) o sono veramente troppo distanti da casa mia per poterci arrivare.

  45. stefania
    Posted 15/02/2013 at 14:17 | Permalink

    Paola,in un tuo post del 1 gennaio leggo delle sacrosante verità.Dopo 6 anni(!¡!¡!) che mio figlio frequenta una scuola inglese,ci troviamo a fare i conti con questa realtà.Non ci rimane che salvare il salvabile,meditando bene sulla scelta di fargli finire gli studi in un altro paese….

  46. Lavinia
    Posted 15/02/2013 at 14:31 | Permalink

    Ciao Valentina,
    Ho le mie figlie al St. Francis e intervengo sul tuo post dove dici che per mancanza di “raccomandazioni” tua figlia non è riuscita ad entrare nella nostra scuola. Ti posso assicurare che la St Francis è una scuola dove FORTUNATAMENTE, raccomandazioni e soprattutto un certo tipo di ambiente, sta ben lontano!!! Dare poi la precedenza ai fratelli di chi è già iscritto, è una cosa sacrosanta che fanno TUTTE le scuole, internazionali e non!!! Scusa la mia risposta molto diretta, ma mi dispiace sentir parlare a sproposito di qualsiasi scuola, se non la si conosce. Come diceva Paola poi, di scuole ce ne sono tantissime e in zona, anche di piuttosto buone: New School, Kendale, Greenwood….. ci vuol pazienza e bisogna insistere, vedrai che prima o poi riuscirai ad entrare!!

  47. valentina
    Posted 15/02/2013 at 16:00 | Permalink

    scusa lavinia, il mio era uno sfogo.
    avevo scelto di mandare mia figlia alla saint francis perchè il rapporto qualità/prezzo mi sembrava ottimo, e lo penso tuttora, quindi non voglio assolutamente denigrare la scuola. Però devo ammettere che, il loro comportanto, in questo caso non è stato esemplare: dopo varie telefonate, email, visite, con quasi due anni di anticipo sull’iscrizione e dopo quindi varie rassicurazioni sul larghissimo anticipo con cui mi ero presentata non mi hanno preso. evidenzio che per avere tale risposta ho telefonato insistentemente e ogni volta mi dicevano di chiamare la settimana successiva fino al responso di ieri. questo mi fa pensare che altre persone, (forse con fratelli, ok) si sono mosse per l’iscrizione molto dopo di me ma sono state prese, altrimenti mi avrebbero dato subito il responso negativo come in altre scuole che ho chiamato.

  48. Lisa
    Posted 24/03/2013 at 14:44 | Permalink

    Stefania, che problemi avete riscontrato? Anche io, che ho una bimba di 2 anni, sono molto combattuta sulla scelta da fare…

    • stefania
      Posted 24/03/2013 at 21:36 | Permalink

      Ciao Lisa.I problemi che ho adesso,sono principalmente con la scuola.I problemi che invece ha mio figlio,sono soprattutto per non essersi integrato con la mentalità anglosassone….:(

      • Lisa
        Posted 26/03/2013 at 22:25 | Permalink

        È esattamente la mia preoccupazione. Nonostante il momento difficile, continuo a pensare che la lingua contribuisce a creare l’identità culturale di una persona, il suo metodo di pensiero e che tutto sommato, in questo senso ampio, l’Italiano vada preservato. Non vorrei che in futuro mia figlia parli e scriva in italiano in modo impreciso o “povero”. D’altra parte sono ovviamente consapevole dell’importanza delle lingue. Che fare?!!!

  49. SIMONETTA
    Posted 28/03/2013 at 10:50 | Permalink

    ho un figlio che quest’anno esce dall’Ambrit. E’ entrato in Ambrit in Vth grade (prima vivevamo negli USA) ed è stata un’esperienza straordinaria- FIno alal 5 elementare offfre un programma bicurriculare con esame di stato italiano presso una scuola statale italia, e dalle medie offre due percorsi. Quello solo internazionale e quello bicurricolare con esame italiano. Ma è tutto scritto sul sito! Le clsassi sono 14/15 bambini (ma ogni anno li mescolano e hanno attività in comune) offre una grande varietà di after school (incluse nelal retta: TUTTO è incluso nella retta, anche le gite scolastiche), c’è un ottimo diaprtimento musicale, un soccer team, e un ambiente molto friendly. I ragazzi parlano in inglese- il gorsso dell’utenza straniera viene da FAO, WFp e altri organismi internazionali. Il sistema scolastico – che è internazionale, non americano) ricalca nelal scansione degli anni quello italiano . Quindi 5 anni di elementray, tre anni di middle school. Su circa 45 ragazzi che finiscono il middle school solo 3 0 4 vanno in un liceo italiano. Gli altri vanno all’estero e nei licei internazionali. Lo consiglio senza riserve. se avessi 5 figli – e soprattutto i mezzi economici!!!! – non avrei esitazioni.

    • Elisabetta C.
      Posted 08/04/2013 at 11:59 | Permalink

      Ciao Simonetta,
      in effetti da altri amici ho sentito parlare bene della Ambrit (tutti gli ex alunni sono poi andati al ST. Stpehen).
      Io sono Interessata a sapere che cosa farà tuo figlio una volta uscito da lì…
      Cosa avete deciso per le superiori?
      Io mi sto ponendo il problema per la mia primogenita (11 anni e mezzo) che tra due anni finisce il percorso bilingue al Marymount…la questione non è la lingua, perchè ormai è bilingue, sia pur non ‘bilanciata’, ma più che altro quale programma è migliore, tenendo conto che non si è ancora capito che tipo di preferenze ha in termini di studio (di sicuro non è il tipo da liceo classico, che io ho fatto ma trovo del tutto superato come percorso culturale standard, salvo che uno non abbia già una vocazione da latinista o da archeologo a 13 anni, ovviamente).
      Seconda domanda: a tuo figlio hanno fatto i Cognitive aptitude test che si fanno nelle scuole internazionali per capire quali sono le materie in cui è gifted o per cui è portato?
      Terza domanda, conosci questo?
      http://www.iisviasalvini.gov.it/index.php?option=com_content&view=article&id=24:centro-internazionale-cambridge&catid=2:uncategorised

      ciao
      Elisabetta C.

  50. Susanna
    Posted 18/04/2013 at 16:04 | Permalink

    Cerco info su Ambrit. Mia figlia ha quasi due anni e in breve vorrei decidere che cosa fare. Noi siamo italiani ma non ho alcuna fiducia nella scuola italiana, soprattutto per la formazione linguistica. Sono una grecista, ho studiato per insegnare al liceo ma poi ho rinunciato per sfiducia. Ora vorrei dare a lei un futuro diverso, non legato alla cultura della scuola italiana, con insegnanti insoddisfatti e poche prospettive per il futuro. Se non altro uscita dalla scuola saprà parlare un perfetto inglese e già questo sarebbe un ottimo trampolino per andare eventualmente all’estero. Ho letto bene della Ambrit, quindi chiunque avesse esperienza potrebbe darmi consigli o suggerimenti?
    Grazie
    Susanna

One Trackback

  1. [...] metodo usare per il BilinguismoBilinguismo in AzioneTrilinguismoBlogPlaygroupsScuolaScuole Internazionali a RomaLibri, CD, DVDChi [...]

Post a Comment

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

*
*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Subscribe without commenting